Fallimento opposizione stato passivo decadenze opponente

20

nel giudizio di opposizione allo stato passivo l’opponente sia tenuto, a pena di decadenza, soltanto a indicare specificamente in seno al ricorso i documenti gia’ prodotti nel corso della verifica dello stato passivo innanzi al giudice delegato; con la conseguenza che, in difetto di produzione del documento indicato specificamente in ricorso, il tribunale deve disporne l’acquisizione dal fascicolo della procedura fallimentare ove esso e’ custodito.

 

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare  si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?

Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.

Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.

La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.

L’estensione di fallimento alle società a responsabilità limitata socie di una “società di fatto”

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 4 gennaio 2018, n. 87

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMOROSO Giovanni – Presidente

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – rel. Consigliere

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 804-2013 proposto da:

(OMISSIS), C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS), giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) S.P.A.;

– intimata –

avverso il decreto del TRIBUNALE di REGGIO EMILIA, depositata il 22/11/2012 R.G.N. 8395/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 04/10/2017 dal Consigliere Dott. ADRIANO PIERGIOVANNI PATTI;

udito il P.M. Generale Dott. in persona del Sostituto Procuratore FINOCCHI GHERSI RENATO, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

FATTI DI CAUSA

Con decreto 22 novembre 2012, il Tribunale di Reggio Emilia rigettava l’opposizione proposta da (OMISSIS) avverso lo stato passivo del Fallimento (OMISSIS) s.p.a., dal quale era stata esclusa per la contestazione dei crediti di lavoro insinuati, dopo l’adizione per il loro riconoscimento del giudice del lavoro, davanti al quale il giudizio pendente era stato interrotto per la dichiarazione di fallimento della societa’ datrice, quindi ripreso nel foro fallimentare.

A motivo della decisione, il Tribunale ravvisava il difetto di prova, a carico della lavoratrice, della tempestivita’ del ricorso e comunque dei crediti, per omessa produzione dei documenti allegati alla domanda di insinuazione, non acquisibili d’ufficio.

Con atto notificato il 21 (28) dicembre 2012, (OMISSIS) ricorreva per cassazione con due motivi, mentre la curatela intimata non svolgeva difese.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo, la ricorrente deduce violazione e falsa applicazione del Regio Decreto n. 267 del 1942, articolo 99, comma 2, n. 4 come mod. dal Decreto Legislativo n. 5 del 2006 e dal Decreto Legislativo n. 169 del 2007, per mancata documentazione del credito insinuato, nonostante la sua tempestiva produzione con la domanda di insinuazione e di cui pure il Tribunale aveva autorizzato l’acquisizione e ammesso le prove orali poi delegate nell’assunzione.

2. Con il secondo, la ricorrente deduce violazione e falsa applicazione del Regio Decreto n. 267 del 1942, articolo 99 come mod. dal Decreto Legislativo n. 5 del 2006 e dal Decreto Legislativo n. 169 del 2007, per erronea tardivita’ dell’opposizione in difetto di prova della data di decorrenza per la sua proposizione, a carico della curatela fallimentare e non della creditrice.

3. I due motivi possono essere congiuntamente esaminati, per ragioni di stretta connessione.

3.1. Essi sono fondati.

3.2. Al di la’ di un orientamento perplesso in ordine alla ripartizione dell’onere della prova di tempestivita’ dell’opposizione allo stato passivo (se la dimostrazione della tardivita’ dell’opposizione incomba al curatore, valorizzandone l’onere di comunicazione ai sensi della L. Fall., articolo 97: Cass. 23 marzo 2012, n. 4744; Cass. 4 maggio 2012, n. 6799; ovvero se la prova della sua tempestivita’ sia a carico del creditore opponente, valorizzando piuttosto la natura impugnatoria del giudizio di opposizione e l’onere del rispetto dei termini perentori di proposizione: Cass. 13 settembre 2013, n. 21021), si deve ritenere, come in effetti si ritiene, che la verifica della tempestivita’ dell’opposizione ai sensi della L. Fall., articolo 98 sia questione rilevabile d’ufficio. E pertanto indipendente dalla deduzione di un’eccezione di parte e dalla eventuale contumacia del curatore, sicche’ e’ dovere del giudice controllare la data di ricevimento dell’avviso della raccomandata contenente la comunicazione dello stato passivo, in allegato al fascicolo fallimentare, previa la sua acquisizione, ovvero al ricorso in opposizione (Cass. 1 dicembre 2016, n. 24551).

3.3. Ma un tale controllo e’ stato omesso dal Tribunale, che si e’ anzi limitato a riscontrare l’assenza di documentazione alcuna, tanto della tempestivita’ che della fondatezza del ricorso in opposizione, in carenza di produzione di “alcuno dei documenti allegati in sede di istanza di ammissione del passivo” (cosi’ al primo capoverso di pg. 2 del decreto). E cio’ sul ravvisato presupposto dell’impossibilita’ di acquisire d’ufficio gli atti contenuti nel fascicolo della procedura fallimentare (cosi’ al secondo capoverso di pg. 2 del decreto). Per giunta, risultando dall’ordinanza 20 marzo 2008 dello stesso Tribunale la specifica indicazione dall’opponente dei documenti gia’ prodotti con la domanda di insinuazione, dei quali aveva addirittura disposto l’acquisizione (cosi’ al terzo e quarto capoverso di pg. 6 del ricorso) e parimenti risultando l’indicazione dell’inclusione in essi del fax di comunicazione dal curatore dell’esclusione dallo stato passivo (cosi’ al secondo capoverso di pg. 5 del ricorso).

3.4. Appare allora evidente come il Tribunale abbia disatteso il principio secondo cui, nel giudizio di opposizione allo stato passivo l’opponente sia tenuto, a pena di decadenza, soltanto a indicare specificamente in seno al ricorso i documenti gia’ prodotti nel corso della verifica dello stato passivo innanzi al giudice delegato; con la conseguenza che, in difetto di produzione del documento indicato specificamente in ricorso, il tribunale deve disporne l’acquisizione dal fascicolo della procedura fallimentare ove esso e’ custodito (Cass. 18 maggio 2017, n. 12548 e n. 12549).

4. Dalle superiori argomentazioni discende l’accoglimento del ricorso, con la cassazione del decreto e rinvio, anche per la regolazione delle spese del giudizio di legittimita’, al Tribunale di Reggio Emilia in diversa composizione.

P.Q.M.

LA CORTE

accoglie il ricorso; cassa il decreto e rinvia, anche per la regolazione delle spese del giudizio di legittimita’, al Tribunale di Reggio Emilia in diversa composizione.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.