Home Condominio Condominio rappresentanza processuale amministratore

Condominio rappresentanza processuale amministratore

-

I Più Letti

Avvocato

Avvocato pagamento compenso ricorso ex art. 702 bis c.p.c.

0
per ottenere il pagamento del proprio compenso, il legale potrà proporre ricorso ex art. 702 bis c.p.c. (che dà luogo ad un procedimento sommario...

Indice dei contenuti:

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 16 ottobre 2017, n. 24321

in tema di condominio negli edifici l’amministratore puo’ resistere all’impugnazione della delibera assembleare e puo’ gravare la relativa decisione del giudice, senza necessita’ di autorizzazione o ratifica dell’assemblea, giacche’ l’esecuzione e la difesa delle deliberazioni assembleari rientra fra le attribuzioni demandategli dall’articolo 1131 c.c., essendo una specifica deliberazione assembleare assunta con la maggioranza prevista dall’articolo 1136 c.c., comma 2, richiesta soltanto per le liti attive e passive esorbitanti dalle incombenze proprie dell’amministratore stesso.

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza, si consiglia invece  la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione  che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia condominiale  si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La responsabilità parziaria e/o solidale per le obbligazioni condominiali

Lastrico solare ad uso esclusivo regime giuridico e responsabilità

L’impugnazione delle delibere condominiali ex art 1137 cc

L’amministratore di condominio: prorogatio imperii

La revoca dell’amministratore di condominio

Rappresentanza giudiziale del condominio: la legittimazione a resistere in giudizio ed a proporre impugnazione dell’amministratore di condominio.

L’obbligo dell’amministratore di eseguire le delibere della assemblea di condominio e la conseguente responsabilità.

La responsabilità dell’amministratore di condominio in conseguenza del potere – dovere di curare l’osservanza del regolamento condominiale.

La responsabilità (civile) dell’amministratore di condominio.

Recupero credito nei confronti del condomino moroso

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 16 ottobre 2017, n. 24321
Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Presidente

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere

Dott. SABATO Raffaele – rel. Consigliere

Dott. CORTESI Francesco – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23549-2013 proposto da:

(OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2643/2012 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI, depositata il 18/07/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 13/06/2017 dal Consigliere Dott. SABATO RAFFAELE.

RILEVATO IN FATTO

che:

con sentenza depositata il 18/07/2012 la corte d’appello di Napoli ha accolto l’appello proposto dal condominio in (OMISSIS) nei confronti di (OMISSIS) avverso sentenza del g.o. del tribunale di Napoli – sezione distaccata di Marano, rigettando la domanda di annullamento di delibera assunta dall’assemblea del condominio medesimo in data 04/03/2008;

a sostegno della decisione, la corte territoriale – pur eventualmente condividendo l’assunto di (OMISSIS) secondo cui l’avviso di convocazione dell’assemblea dovesse essere inviato anche al di lei coniuge, comproprietario dell’appartamento, per ragioni particolari essendo superabile la presunzione dell’essere edotto anche esso comproprietario in base alla comunicazione avvenuta regolarmente nei confronti di essa sig.a (OMISSIS) – ha affermato che, derivando dall’omissione della comunicazione a un comproprietario l’annullabilita’ e non la nullita’ della delibera, la legittimazione ad impugnare spetta ex articolo 1441 c.c., solo a detto comproprietario e non ad essa (OMISSIS) ritualmente convocata; nonche’ che l’assenza della documentazione contabile a supporto del conto in sede assembleare non comporta invalidita’ della delibera ove non consti che l’amministratore, richiesto, abbia nei giorni precedenti negato la visione;

avverso la suddetta sentenza propone ricorso per cassazione (OMISSIS), articolando due motivi di gravame; resiste con controricorso P il condominio che deposita altresi’ memoria.

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

con il primo motivo di ricorso si deduce la “violazione o falsa applicazione dell’articolo 112 c.p.c.”, lamentando non avere la sentenza impugnata alcunche’ detto in ordine all’eccezione sollevata da (OMISSIS) di inammissibilita’ dell’appello del condominio, per non essere stato il gravame oggetto di autorizzazione o ratifica da parte dell’assemblea; si cita, a sostegno, la pronuncia di Cass. Sez. U 06/08/2010 n. 18331;

tale motivo e’ inammissibile, in quanto l’eccezione di cui si lamenta il mancato (esplicito) esame, di inammissibilita’ dell’appello, e’ di natura processuale, per cui deve darsi continuita’ alla giurisprudenza (v. ad es. Cass. n. 14670 del 21/11/2001, n. 13649 del 24/06/2005, n. 3667 del 21/02/2006) secondo cui il mancato esame da parte del giudice, sollecitatone dalla parte, di una questione puramente processuale non puo’ dar luogo a vizio di omessa pronuncia, il quale attiene al mancato esame delle sole domande ed eccezioni di merito, e non puo’ assurgere quindi a causa autonoma di nullita’ della sentenza, potendo profilarsi al riguardo una nullita’ (propria o derivata) della decisione, per la violazione di norme diverse dall’articolo 112 c.p.c. (che nel caso di specie la parte poi propone ritualmente con il secondo motivo – v. infra), in quanto sia errata la soluzione implicitamente data dal giudice alla questione sollevata dalla parte;

per completezza, quand’anche il motivo fosse stato ritualmente formulato (come e’ in effetti formulato il secondo motivo) con riferimento alle confacenti norme asseritamente violate diverse dall’articolo 112 c.p.c. (e quindi, come si dira’, essenzialmente degli articoli 1130 e 1131 c.c. oltre altri), esso sarebbe stato comunque infondato: invero, come afferma la giurisprudenza ormai consolidata (v. Cass. n. 7095 del 20/03/2017, n. 1451 del 23/01/2014 e n. 21841 del 25/10/2010), in tema di condominio negli edifici l’amministratore puo’ resistere all’impugnazione della delibera assembleare e puo’ gravare la relativa decisione del giudice, senza necessita’ di autorizzazione o ratifica dell’assemblea, giacche’ l’esecuzione e la difesa delle deliberazioni assembleari rientra fra le attribuzioni demandategli dall’articolo 1131 c.c., essendo una specifica deliberazione assembleare assunta con la maggioranza prevista dall’articolo 1136 c.c., comma 2, richiesta soltanto per le liti attive e passive esorbitanti dalle incombenze proprie dell’amministratore stesso;

con il secondo motivo, la parte ricorrente deduce violazione o falsa applicazione dell’articolo 75 c.p.c., articoli 1130 e 1131 c.c., articolo 182 c.p.c. in relazione all’articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 4, oltre omessa motivazione su un fatto controverso e decisivo;

tale motivo, in effetti contenente una duplice censura, e’ in parte inammissibile e in parte infondato; invero, esso e’ inammissibile in quanto nessuna argomentazione e’ svolta a sostegno della censura relativa a presunto vizio di motivazione;

esso e’ poi infondato, nella parte in cui – sviluppando nel merito le censure in ordine alla presunta necessita’ che l’amministratore si munisca di delibera assembleare di autorizzazione o ratifica dell’impugnazione di sentenza in tema di opposizione a delibera dell’assemblea – propone censure la cui trattazione si e’ gia’ svolta in riferimento al precedente motivo;

dovendosi in definitiva rigettare il ricorso, le spese del giudizio di legittimita’ vanno poste a carico della parte soccombente; ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 – quater, si da’ atto del sussistere dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo pari al contributo unificato dovuto per il ricorso a norma dell’articolo 13 cit., comma 1 – bis.

P.Q.M.

La corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente alla rifusione a favore della parte controricorrente delle spese del giudizio di legittimita’, che liquida in Euro 1500 per compensi ed euro 200 per esborsi, oltre spese generali nella misura del 15% e accessori di legge.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 – quater si da’ atto del sussistere dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo pari al contributo unificato dovuto per il ricorso a norma dell’articolo 13 cit., comma 1 – bis.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.