HomeCondominioCondominio deliberazioni assembleari criterio ripartizione spese

Condominio deliberazioni assembleari criterio ripartizione spese

-

I Più Letti

Contratti

Contratti prova della consegna della merce all’acquirente

0
nei contratti aventi ad oggetto la consegna di una quantità di merce da una parte all'altra, la prove delta consegna all'acquirente è libera, nel...

Indice dei contenuti:

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 7 novembre 2017, n. 26360

Il singolo condomino risponde infatti verso gli altri condomini dei danni da lui causati, ma fino a quando egli non abbia riconosciuto la propria responsabilita’ o questa non sia stata accertata in sede giudiziale “l’assemblea non puo’ porre a suo carico detto obbligo, ne’ imputargli a tale titolo alcuna spesa, non potendo l’assemblea disattendere l’ordinario criterio di ripartizione, ne’ la tabella millesimale e dovendo, invece, applicare la regola generale stabilita dall’articolo 1123 c.c.

 

Per ulteriori approfondimenti in materia condominiale  si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La responsabilità parziaria e/o solidale per le obbligazioni condominiali
Lastrico solare ad uso esclusivo regime giuridico e responsabilità
L’impugnazione delle delibere condominiali ex art 1137 cc
L’amministratore di condominio: prorogatio imperii
La revoca dell’amministratore di condominio
Rappresentanza giudiziale del condominio: la legittimazione a resistere in giudizio ed a proporre impugnazione dell’amministratore di condominio.
L’obbligo dell’amministratore di eseguire le delibere della assemblea di condominio e la conseguente responsabilità.
La responsabilità dell’amministratore di condominio in conseguenza del potere – dovere di curare l’osservanza del regolamento condominiale.
La responsabilità (civile) dell’amministratore di condominio.
Recupero credito nei confronti del condomino moroso

Per una più completa ricerca di giurisprudenza, si consiglia invece  la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione  che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 7 novembre 2017, n. 26360

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIANCHINI Bruno – Presidente

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere

Dott. ABETE Luigi – Consigliere

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27518-2014 proposto da:

(OMISSIS) S.r.l. (p.iva (OMISSIS)) in persona del legale rappresentante pro tempore, (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore (OMISSIS) ((OMISSIS)), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentati e difesi dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrenti –

contro

(OMISSIS) (c.f. (OMISSIS)), in persona dell’Amministratore pro tempore, elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 867/2013 della CORTE D’APPELLO di TRIESTE, depositata il 15/10/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 11/07/2017 dal Consigliere Dott. BESSO MARCHEIS CHIARA.

PREMESSO IN FATTO

CHE:

1. La societa’ (OMISSIS) srl e l’ (OMISSIS) hanno proposto appello nei confronti della sentenza, resa dal Tribunale di Gorizia, che, dichiarato il difetto di legittimazione attiva dell’Associazione, aveva rigettato le domande, di impugnazione delle deliberazioni assembleari del 3/5/2005 e del 13/10/2005, proposte in primo grado contro il (OMISSIS).

2. La Corte d’appello di Trieste, con sentenza del 15 ottobre 2013, ha, in parziale riforma della sentenza impugnata, dichiarato la legittimazione attiva dell’Associazione, per il resto rigettando l’appello e confermando la pronuncia di primo grado.

3. La societa’ (OMISSIS) e l’ (OMISSIS) hanno proposto ricorso in cassazione, articolato in nove motivi.

Il Condominio ha proposto controricorso, con cui ha eccepito l’inammissibilita’ del ricorso in quanto i nove motivi si limiterebbero a riprendere alla lettera le deduzioni e le argomentazioni svolte in primo e in secondo grado.

Le ricorrenti hanno presentato memoria, nella quale, in risposta all’eccezione di inammissibilita’ proposta dal Condominio, pongono in essere un’ermeneutica dei motivi proposti con il ricorso.

CONSIDERATO IN DIRITTO

CHE:

1. Con il primo motivo le ricorrenti denunciano “violazione e/o falsa applicazione dell’articolo 2909 c.c., in relazione (…) alla sentenza numero 315/2013 della Corte d’appello di Trieste”. La Corte d’appello, nella pronuncia impugnata, non avrebbe “tenuto nella dovuta considerazione” la sentenza appena menzionata, della stessa Corte.

Il motivo e’ infondato. La Corte d’appello afferma infatti di attenersi “al proprio precedente – appunto la sentenza n. 315/2013 – circa la legittimazione dell’Associazione” e precisa poi che la sentenza riguarda l’impugnazione di un’altra deliberazione assembleare, del 21 settembre 2006, e che non vi e’ neppure coincidenza soggettiva, essendo parte del presente giudizio anche la societa’ (OMISSIS).

2. Con il secondo, il quarto e il nono motivo, come chiariscono le ricorrenti nella memoria, si lamenta il vizio della motivazione. I motivi sono inammissibili: si denuncia infatti un parametro (l’omissione e insufficienza della motivazione) non applicabile ratione temporis alla fattispecie.

3. Con il terzo motivo si lamenta la violazione e/o falsa applicazione dell’articolo 1123 c.c., e dell’articolo 1135, nn. 2 e 3. Il costo indicato per gli “spurghi” non puo’ – ad avviso delle ricorrenti essere imputato alla sola (OMISSIS) in base a una mera “opinione” dell’amministratore sulle cause dell’evento.

Il motivo e’ fondato. L’assemblea condominiale del 13 ottobre 2005, con all’ordine del giorno “approvazione del consuntivo e riparto spese ordinarie” ha infatti deliberato di addebitare alla proprieta’ (OMISSIS) i costi dello spurgo “in quanto l’amministratore ritiene che i lavori di ristrutturazione della proprieta’ stessa abbiano causato l’intasamento”. La relativa deliberazione e’ invalida. Il singolo condomino risponde infatti verso gli altri condomini dei danni da lui causati, ma fino a quando egli non abbia riconosciuto la propria responsabilita’ o questa non sia stata accertata in sede giudiziale “l’assemblea non puo’ porre a suo carico detto obbligo, ne’ imputargli a tale titolo alcuna spesa, non potendo l’assemblea disattendere l’ordinario criterio di ripartizione, ne’ la tabella millesimale e dovendo, invece, applicare la regola generale stabilita dall’articolo 1123 c.c.” (Cass. n. 7890/1999, e, piu’ recentemente, Cass. n. 10053/2013).

4. Con il quinto, il sesto, il settimo e l’ottavo motivo l’attenzione si sposta sulla deliberazione del 3 maggio 2005 – avente questa ad oggetto la turnazione dei posti auto – e viene, per tutti i motivi, denunciata l’omessa pronuncia in relazione all’articolo 112 c.p.c..

I motivi sono inammissibili. Sono infatti riproposte censure in fatto (circa l’attribuzione delle quote e lo svolgimento della turnazione) che sono sottratte al sindacato di questa Corte di legittimita’.

5. Rigettati tutti i motivi di ricorso con l’eccezione del terzo, la sentenza impugnata va cassata in relazione al motivo accolto; decidendo nel merito viene quindi accolta l’impugnazione della deliberazione della assembleare del 13/10/2005 proposta dalla societa’ (OMISSIS) e dall’ (OMISSIS) ed e’ dichiarata la nullita’ della deliberazione.

La parziale soccombenza delle ricorrenti giustifica la compensazione delle spese di lite per tutti i gradi del giudizio.

P.Q.M.

La Corte rigetta i motivi di ricorso con l’eccezione del terzo; cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e, decidendo nel merito, accoglie la domanda di impugnazione della deliberazione assembleare del 13/10/2005 proposta dalle ricorrenti, dichiarandone la nullita’.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.