HomeImmigrazioneRicorso avverso il diniego di riconoscimento della Protezione Internazionale

Ricorso avverso il diniego di riconoscimento della Protezione Internazionale

-

I Più Letti

Contratti

Contratti prova della consegna della merce all’acquirente

0
nei contratti aventi ad oggetto la consegna di una quantità di merce da una parte all'altra, la prove delta consegna all'acquirente è libera, nel...

Corte di Cassazione, Sezione 6 1 civile Ordinanza 17 gennaio 2018, n. 1068

l’appello, ex articolo 702 “quater” cod. proc. civ., contro il provvedimento reiettivo del ricorso avverso il diniego di riconoscimento della Protezione Internazionale, e nei confronti degli altri provvedimenti in materia di immigrazione del Decreto Legislativo 1 settembre 2011, n. 150, ex articolo 19 va proposto con atto di citazione, e non con ricorso, sicche’ la verifica della tempestivita’ dell’impugnazione va effettuata calcolandone il termine di trenta giorni – previsto dall’articolo 702 quater c.p.c., comma 1, – dalla data di notifica dell’atto introduttivo alla parte appellata.

 

Per ulteriori approfondimenti in materia di immigrazione, si consiglia la lettura del seguente articolo:
Il Diniego illegittimo del rilascio del permesso di soggiorno

Corte di Cassazione, Sezione 6 1 civile Ordinanza 17 gennaio 2018, n. 1068

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere

Dott. VALITUTTI Antonio – rel. Consigliere

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16763-2017 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO – COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI ANCONA, in persona del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 718/2017 della CORTE D’APPELLO di ANCONA, depositata il 10/05/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 21/11/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO VALITUTTI.

RILEVATO

che:

(OMISSIS) ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte d’appello di Ancona n. 718/2017, depositata il 10 maggio 2017, con la quale l’appello dell’odierno ricorrente – avverso la decisione di prime cure che aveva rigettato la domanda per il riconoscimento della Protezione Internazionale veniva dichiarato inammissibile, poiche’ proposto oltre il termine di trenta giorni, previsto dal Decreto Legislativo 1 settembre 2011, n. 150, articolo 3; l’intimato Ministero dell’Interno – Commissione Territoriale per il riconoscimento della Protezione Internazionale di Ancona ha replicato con controricorso;

CONSIDERATO

che:

secondo l’insegnamento tradizionale di questa Corte, l’appello, ex articolo 702 “quater” cod. proc. civ., contro il provvedimento reiettivo del ricorso avverso il diniego di riconoscimento della Protezione Internazionale, e nei confronti degli altri provvedimenti in materia di immigrazione del Decreto Legislativo 1 settembre 2011, n. 150, ex articolo 19 va proposto con atto di citazione, e non con ricorso, sicche’ la verifica della tempestivita’ dell’impugnazione va effettuata calcolandone il termine di trenta giorni – previsto dall’articolo 702 quater c.p.c., comma 1, – dalla data di notifica dell’atto introduttivo alla parte appellata (Cass. 15/12/2014, 26326; Cass. 26/06/2014, n. 14502; Cass. 06/07/2016, n. 13815; cfr. pure, sull’appello nel procedimento sommario di cognizione, Cass. Sez. U. 10/02/2014, n. 2907);

tale indirizzo non e’ inciso dalle modifiche apportate al Decreto Legge n. 150 del 2011, articolo 19 dal Decreto Legge n. 142 del 2015, articolo 27 laddove l’improprio riferimento al termine “ricorso” e’ effettuato ai soli fini della disciplina della durata del procedimento, senza alcuna espressa deroga al rinvio al rito sommario di cognizione (cfr. Cass. 11/09/2017, n. 21031; Cass. 11/09/2017, n. 21030; Cass. 13/07/2017, n. 17420);

nel caso concreto, dall’esame del ricorso e dell’impugnata sentenza si desume che l’atto di appello (in forma di citazione) era stato notificato entro i trenta giorni (il 12 luglio 2016) successivi alla comunicazione dell’ordinanza (avvenuta il 13 giugno 2016) e che la citazione era stata, poi, depositata il 19 luglio 2016;

e’ da reputarsi, pertanto, erronea la statuizione di inammissibilita’ dell’appello emessa dalla Corte territoriale, atteso che il termine di trenta giorni per il gravame – ai sensi dell’articolo 702 quater cod. proc. civ. – doveva essere computato, nella specie, con riguardo alla notifica dell’atto di citazione e non al suo deposito, giacche’ l’appello, come dianzi detto, andava proposto con citazione e non con ricorso; Ritenuto che:

in accoglimento del ricorso, l’impugnata sentenza debba essere, pertanto, cassata con rinvio alla Corte d’appello di Ancona in diversa composizione, che dovra’ procedere all’esame del merito della controversia, facendo applicazione dei principi di diritto suesposti.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata; rinvia alla Corte d’appello di Ancona in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimita’.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.