Home Lavoro e Previdenza Infortuni sul lavoro comportamento abnorme del lavoratore responsabilità

Infortuni sul lavoro comportamento abnorme del lavoratore responsabilità

-

I Più Letti

Avvocato

Avvocato pagamento compenso ricorso ex art. 702 bis c.p.c.

0
per ottenere il pagamento del proprio compenso, il legale potrà proporre ricorso ex art. 702 bis c.p.c. (che dà luogo ad un procedimento sommario...

Corte di Cassazione, Sezione 4 penale Sentenza 1 febbraio 2018, n. 4914

e’ abnorme soltanto il comportamento del lavoratore che, per la sua stranezza ed imprevedibilita’, si ponga al di fuori di ogni possibilita’ di controllo da parte dei soggetti preposti all’applicazione della misure di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro, e che tale non e’ il comportamento del lavoratore che abbia compiuto un’operazione comunque rientrante, nel segmento di lavoro attribuitogli.

Corte di Cassazione, Sezione 4 penale Sentenza 1 febbraio 2018, n. 4914
Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUARTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BLAIOTTA Rocco Marco – Presidente

Dott. DOVERE Salvatore – Consigliere

Dott. TORNESI Daniela Rita – Consigliere

Dott. BELLINI Ugo – rel. Consigliere

Dott. CENCI Daniele – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS), nato il (OMISSIS);

avverso la sentenza del 13/02/2017 della CORTE APPELLO di CAMPOBASSO;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal Consigliere Dr. UGO BELLINI;

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Dr. GAETA PIETRO che ha concluso per l’inammissibilita’ del ricorso.

Udito il difensore e’ presente l’avv. (OMISSIS) del foro di PESCARA in qualita’ di sostituto processuale dell’avvocato (OMISSIS) del foro di BARI difensore di fiducia di (OMISSIS), come da delega orale, che si riporta ai motivi di ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1.La Corte di Appello di Campobasso con sentenza pronunciata in data 13 Febbraio 2017, in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Campobasso, dichiarava prescritti i reati contravvenzionali contestati all’imputato e rideterminava la pena nei confronti di (OMISSIS), per il reato di lesioni colpose gravi con violazione di disposizioni antinfortunistiche ai danni del dipendente Tiberio Raffaele, in mesi uno giorni venti di reclusione.

2. Il Giudice di appello riconosceva i profili di colpa ascritti in capo al datore di lavoro, quale legale rappresentante della (OMISSIS) Soc.coop. per difetto di formazione e di informazione del lavoratore in relazione agli incombenti cui il dipendente era addetto, per non avere assunto le misure organizzative necessarie e per non avere messo a disposizione del lavoratore mezzi adeguati, anche meccanici, per il trasporto di pesanti pneumatici cosicche’ nell’attivita’ di carico-scarico uno di essi colpiva il piede del dipendente il quale riportava lesioni personali durate otre 60 giorni.

3. Avverso la sentenza proponeva ricorso per cassazione la difesa dell’imputato articolando un duplice motivo di ricorso.

3.1 Con un primo motivo deduceva violazione di legge e vizio motivazionale in presenza di motivazione per relationem assolutamente carente e priva di riscontro rispetto alle doglianze formulate dalla difesa nell’atto di appello, a fronte della allegazione di una serie di elementi che rendevano del tutto inattendibile la testimonianza della persona offesa, che aveva affermato di non avere ricevuto adeguata formazione informazione sulle modalita’ di esecuzione del lavoro, un idoneo equipaggiamento e strumenti di lavoro e una assistenza sanitaria con giudizio di idoneita’ alla mansione.

3.2 Con una seconda articolazione si doleva della motivazione del giudice di appello in punto di rapporto di causalita’ e di ricorrenza dei profili di colpa specifici ascritti al datore di lavoro, laddove dalla istruttoria dibattimentale era risultato che il datore di lavoro aveva messo a disposizione dei lavoratori dei muletti per il trasbordo dei pneumatici, laddove i lavoratori, con autonoma decisione, avevano proceduto alla movimentazione degli stessi mediante rotolamento, ponendo pertanto in essere una condotta abnorme, tale da esonerare da responsabilita’ il ricorrente.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. I motivi di ricorso con i quali il ricorrente denuncia violazione di legge e vizio motivazionale in riferimento alla interruzione del rapporto di causalita’ e alla carenza dell’elemento psicologico dell’imputato, in ragione della imprevedibilita’ ed eccentricita’ del sinistro che il datore di lavoro era tenuto a prevenire, sono infondati e devono essere disattesi.

2. Deve invero prendersi atto del fatto che la sentenza impugnata non presenta alcuno dei vizi dedotti dal ricorrente, atteso che l’articolata valutazione da parte dei giudici di merito degli elementi probatori acquisiti rende ampio conto delle ragioni che hanno indotto gli stessi giudici a ritenere la responsabilita’ del ricorrente, mentre le censure da questa proposte finiscono sostanzialmente per riproporre argomenti gia’ esposti in sede di appello, che tuttavia risultano vagliati e correttamente disattesi dalla Corte territoriale.

3. In particolare la Corte territoriale ha indicato una serie di elementi a sostegno del proprio convincimento in punto di sussistenza tanto del rapporto di causalita’ omissiva quanto dell’elemento soggettivo del reato, argomenti con i quali la difesa della ricorrente non mostra di confrontarsi a pieno ma finisce per profilare profili di violazione di legge che possono essere superati sulla base dei principi gia’ affermati da questa Corte di cassazione.

3.1 Sotto il profilo causale e’ indubbio che il lavoratore era intento a svolgere un’attivita’ in relazione alla quale non era stata praticata alcuna specifica formazione; e che neppure risultavano impartite da eventuali preposti le istruzioni relative allo svolgimento delle operazioni di carico e scarico dei pneumatici, non trovando sul punto smentita le dichiarazioni della persona offesa da alcuna allegazione della parte ricorrente.

3.2 E’ inoltre risultato dall’istruttoria dibattimentale che la opzione di non adoperare mezzi meccanici per le operazioni di scarico del materiale, quali carrelli elevatori e muletti, non dipese da una estemporanea decisione del lavoratore, o da un omesso rispetto delle consegne, ma dalla difficolta’ del carico in ragione delle caratteristiche e della forma, nonche’ del peso (20 quintali) di ciascun pneumatico, di talche’ l’infortunio realizzatosi ha rappresentato uno sviluppo del tutto adeguato, sulla base di giudizio contro fattuale fondato su criteri probabilistici di elevata credibilita’ razionale in una valutazione di logica processuale, delle gravissime omissioni contestate al datore di lavoro come massimo responsabile della direzione delle procedure lavorative e garante della sicurezza sul luogo di lavoro.

3.3 Sotto diverso profilo poi, e’ stato evidenziato dal S.C. che l’eventuale addebito di imprudenza al lavoratore, concorrente con la violazione della normativa antinfortunistica da parte dei soggetti tenuti a garantirne la attuazione, non esime questi ultimi dalle proprie responsabilita’, poiche’ l’esistenza del rapporto di causalita’ tra la violazione e l’evento-morte o lesioni del lavoratore che ne sia conseguito puo’ essere esclusa unicamente nei casi in cui sia provato che il comportamento del lavoratore fu abnorme, e che proprio questa abnormita’ abbia dato causa all’evento.

(La Suprema Corte ha precisato che e’ abnorme soltanto il comportamento del lavoratore che, per la sua stranezza ed imprevedibilita’, si ponga al di fuori di ogni possibilita’ di controllo da parte dei soggetti preposti all’applicazione della misure di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro, e che tale non e’ il comportamento del lavoratore che abbia compiuto un’operazione comunque rientrante, nel segmento di lavoro attribuitogli (vedi sez. 4, 28.4.2011 23292; 5.3.2015 n.16397).

3.4 Non risulta peraltro in discussione – e il giudice di appello ne ha dato conto in motivazione – che il lavoratore fosse intento alla esecuzione di un compito allo stesso assegnato, in quanto rientrante nell’ambito di attribuzioni che gli venivano richieste e che lo stesso vi stava provvedendo unitamente ad altri lavoratori in base a criteri prestabiliti o comunque concordati, procedendo alla movimentazione manuale di enormi pneumatici senza alcuna specifica disposizione di servizio o prescrizione sull’uso di mezzi meccanici che pure, per disposizione normativa antinfortunistica, dovevano ritenersi preferibili.

4. Quanto ai profili soggettivi del fatto reato, numerose e rilevanti sono le inosservanze ascritte al datore di lavoro, esaminate dai giudici di merito e ritenute sussistenti in capo al prevenuto con adeguata motivazione pur richiamata dal giudice di appello, sia per il fatto di avere adibito il dipendente a mansioni in assenza di una adeguata formazione e informazione sulle pratiche da seguire, sia per una assolutamente carente, in quanto inesistente, organizzazione del lavoro che il dipendente era chiamato a seguire.

Cosi’ facendo il datore di lavoro si e’ sottratto a molteplici obblighi di formazione, istruzione, organizzazione e, soprattutto, di vigilanza in quanto ha impiegato le proprie maestranze abdicando alla sua posizione di garanzia che gli imponeva di organizzare il lavoro secondo criteri di appropriatezza e di adeguatezza, fornendo idonei strumenti di lavoro e di vigilare sull’effettivo impiego degli stessi.

5. Date tali emergenze probatorie, perfettamente coerente si presenta la conclusione cui sono pervenuti i giudici del gravame, e cioe’, che l’odierno ricorrente, doveva ritenersi responsabile delle lesioni personali riportate dal (OMISSIS), in ragione di una palese violazione di specifiche disposizioni cautelari, come evidenziato dai giudici di merito con tessuto argomentativo congruo ed adeguato che si fonde, integrandosi, nelle due motivazioni.

Il ricorso deve pertanto essere rigettato e il ricorrente va condannato al pagamento delle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.