Ammissione al passivo crediti da lavoro sospensione feriale

9

Corte di Cassazione, Sezione 6 1 civile Ordinanza 13 febbraio 2018, n. 3436

benche’, ai sensi della L. 7 ottobre 1969, n. 712, articolo 1, i giudizi per l’accertamento dei crediti concorsuali non si sottraggano, in via generale, alla regola della sospensione dei termini durante il periodo la sospensione non opera in quelli in cui si controverta dell’ammissione allo stato passivo di crediti nascenti dal rapporto di lavoro, che, pur dovendo essere trattati con il rito fallimentare, sono assoggettati al diverso regime previsto dal combinato disposto del Regio Decreto 30 gennaio 1941, n. 12, articolo 92 ed la L. n. 742 del 1969 cit., articolo 3, in ragione della materia che ne forma oggetto.

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare si consiglia la lettura dei seguenti articoli:
La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?
Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.
Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.
La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.
L’estensione di fallimento alle società a responsabilità limitata socie di una “società di fatto”


Corte di Cassazione, Sezione 6 1 civile Ordinanza 13 febbraio 2018, n. 3436

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere

Dott. ACIERNO Maria – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2006-2014 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) S.P.A., in amministrazione straordinaria, in persona del legale rappresentante pro-tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1664/2012 della CORTE D’APPELLO di CATANIA, emessa il 29/10/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 14/11/2017 dal Consigliere Dott. MARIA ACIERNO.

RAGIONI DELLA DECISIONE

La Corte d’appello di Catania, con sentenza n. 1664/2012, ha dichiarato inammissibile per tardivita’ l’impugnazione avverso la sentenza del Tribunale con la duale era stato respinto il ricorso di insinuazione tardiva al passivo della s.p.a. (OMISSIS) da parte di (OMISSIS) per importi relativi al rapporto di lavoro cessato con la societa’ in amministrazione straordinaria. Ha rilevato la Corte territoriale, infatti, che l’appello era stato proposto con ricorso notificato alla (OMISSIS) s.p.a. in data 19.05.2010, oltre il termine di sessanta giorni decorrente dal deposito della sentenza di primo grado avvenuto in data 05.03.2009.

Avverso tale pronuncia ha proposto ricorso per cassazione il (OMISSIS) contestando la rilevata tardivita’ dell’impugnazione e denunciando, in particolare, la violazione degli articoli 325 e 327 c.p.c..

La controricorrente (OMISSIS) S.p.a. ha eccepito in via preliminare l’inammissibilita’ del ricorso per cassazione, avendo il (OMISSIS) notificato tale ricorso in data 07.01.2014 e pertanto oltre il termine lungo annuale di cui all’articolo 327 c.p.c., decorrente dal 20.11.2012, data di pubblicazione della sentenza. Le cause riguardanti crediti da lavoro, invero, fanno eccezione al principio generale della sospensione dei termini durante il periodo feriale, come statuito dall’orientamento di legittimita’ espresso dalle pronunce n. 16494/2013 e n. 24862/2015.

La Sesta sezione civile di questa Corte, all’esito dell’adunanza camerale del 05.07.2016, con ordinanza interlocutoria n. 22685/2016 ha rinviato la presente causa a nuovo ruolo, attesa la necessita’ di attendere la pronuncia delle Sezioni Unite, gia’ investite della questione oggetto dell’odierno thema decidendum.

Con sentenza n. 10944/2017 le Sezioni Unite hanno ribadito il principio, gia’ espresso dall’orientamento sopra richiamato, secondo cui “benche’, ai sensi della L. 7 ottobre 1969, n. 712, articolo 1, i giudizi per l’accertamento dei crediti concorsuali non si sottraggano, in via generale, alla regola della sospensione dei termini durante il periodo la sospensione non opera in quelli in cui si controverta dell’ammissione allo stato passivo di crediti nascenti dal rapporto di lavoro, che, pur dovendo essere trattati con il rito fallimentare, sono assoggettati al diverso regime previsto dal combinato disposto del Regio Decreto 30 gennaio 1941, n. 12, articolo 92 ed la L. n. 742 del 1969 cit., articolo 3, in ragione della materia che ne forma oggetto”.

La controversia dedotta nel presente giudizio, per l’oggetto che se ne ricava dagli atti, rientra tra quelle contenuto nell’articolo 409 c.p.c., trattandosi di spettanze conseguenti a rapporto di agenzia comunque parasubordinato) nel quale il lavoratore e’ persona fisica. Conclusivamente, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile. 11 consolidarsi della giurisprudenza sopra richiamata in epoca successiva alla presentazione del ricorso costituisce giusto motivo per la compensazione delle spese del giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile. Compensa le spese del giudizio di legittimita’.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.