Requisiti fallibilità Art 1 LF indebitamento prescinde da periodicità

28

Corte di Cassazione, Sezione 6 1 civile Ordinanza 8 febbraio 2018, n. 3158

la mancata previsione, nella L. Fall., lettera c) del riferimento al triennio antecedente, presente invece per le soglie dimensionali indicate nelle lettera a-b), non e’ certamente casuale; e’ significativo in tal senso l’uso di tempi diversi dei verbi con riferimento alle altre soglie dimensionali (“avere avuto” a proposito dell’attivo patrimoniale e “avere realizzato” a proposito dei ricavi, in entrambi i casi “nei tre esercizi antecedenti”), a differenza dell’infinito presente (“avere”) utilizzato per l’indebitamento, che deve risultare dalla contabilita’ dell’impresa al momento della dichiarazione di fallimento. Cio’ porta ad escludere la fallibilita’ dell’imprenditore che sia riuscito a ridurre il passivo al di sotto della soglia di fallibilita’, tale conclusione essendo coerente con il rilievo che l’indebitamento e’ un requisito che prescinde da qualsiasi periodicita’.

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare si consiglia la lettura dei seguenti articoli:
La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?
Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.
Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.
La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.
L’estensione di fallimento alle società a responsabilità limitata socie di una “società di fatto”

Corte di Cassazione, Sezione 6 1 civile Ordinanza 8 febbraio 2018, n. 3158

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18337/2016 proposto da:

(OMISSIS) SRL in liquidazione, in persona del liquidatore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) SRL, (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 1048/2016 della CORTE D’APPELLO di TORINO, depositata il 21/06/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non partecipata del 24/10/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO PIETRO LAMORGESE.

FATTI DI CAUSA

La Corte d’Appello di Torino, con sentenza del 21 giugno 2016, ha rigettato il reclamo proposto dalla societa’ (OMISSIS) srl in liquidazione avverso la sentenza impugnata che ne aveva dichiarato il fallimento.

La Corte ha ritenuto sussistenti i requisiti di fallibilita’ di cui alla L. Fall., articolo 1, comma 2, ivi compreso quello relativo all’indebitamento (lettera c), valutato anch’esso, come gli altri, nei tre esercizi antecedenti al deposito dell’istanza di fallimento nei quali le passivita’ superavano l’importo di Euro 500.000,00, essendo il volume delle passivita’ anch’esso un indicatore di natura dimensionale e non rilevando che tale limite non fosse superato nell’ultimo esercizio chiuso al 31 dicembre 2014; inoltre, la Corte ha ritenuto inattendibile la situazione contabile al 31 dicembre 2015, non essendovi ricomprese alcune voci di debito.

Avverso la predetta sentenza, la (OMISSIS) srl ha proposto ricorso per cassazione, affidato a due motivi. Il Fallimento non ha svolto difese.

RAGIONI DELLA DECISIONE

Il primo motivo denuncia la violazione e/o falsa applicazione della L. Fall., articolo 1, comma 2, lettera c (ai sensi dell’articolo 360, comma 1, n. 3): la Corte d’Appello di Torino ha errato nel dare, peraltro in contrasto con il dato letterale, un’interpretazione sistematica della norma che non prevede che si debba considerare l’indebitamento nel triennio antecedente alla dichiarazione di fallimento, tanto piu’ che l’indebitamento si era ulteriormente ridotto al 31 dicembre 2015.

Il motivo e’ fondato, dovendosi dare continuita’ all’orpentamento (Cass. n. 17951/2016) secondo cui la mancata previsione, nella L. Fall., lettera c) del riferimento al triennio antecedente, presente invece per le soglie dimensionali indicate nelle lettera a-b), non e’ certamente casuale; e’ significativo in tal senso l’uso di tempi diversi dei verbi con riferimento alle altre soglie dimensionali (“avere avuto” a proposito dell’attivo patrimoniale e “avere realizzato” a proposito dei ricavi, in entrambi i casi “nei tre esercizi antecedenti”), a differenza dell’infinito presente (“avere”) utilizzato per l’indebitamento, che deve risultare dalla contabilita’ dell’impresa al momento della dichiarazione di fallimento. Cio’ porta ad escludere la fallibilita’ dell’imprenditore che sia riuscito a ridurre il passivo al di sotto della soglia di fallibilita’, tale conclusione essendo coerente con il rilievo che l’indebitamento e’ un requisito che prescinde da qualsiasi periodicita’.

Il secondo motivo denuncia motivazione apparente e contraddittoria, per non essere state indicate le ragioni dell’inattendibilita’ della situazione contabile e del superamento della soglia dell’indebitamento nell’ultimo esercizio.

Il motivo e’ fondato, a fronte di una motivazione inadeguata, anche alla luce del novellato articolo 360 c.p.c., n. 5, come interpretato da Cass., s.u., n. 8053 del 2014. La Corte di merito non ha spiegato se la soglia dell’indebitamento sia stata superata nell’ultimo esercizio, fatto questo decisivo ai fini della tenuta della ratio decidendi censurata; inoltre la valutazione di inattendibilita’ della situazione contabile e’ apodittica, essendo rimaste sul piano della genericita’ e astrattezza le affermazioni circa l’occultamento di un debito di Euro 13.799,28 verso i dipendenti e la mancata rinuncia a rivalersi verso la societa’ da parte di un socio disponibile a ripianare i debiti della stessa.

Il ricorso e’ accolto e la sentenza impugnata e’ cassata con rinvio alla Corte d’appello di Torino, anche per le spese.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Torino, in diversa composizione, anche per le spese.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.