Home Diritto Bancario Danno risarcibile a seguito di protesto assegno bancario

Danno risarcibile a seguito di protesto assegno bancario

-

I Più Letti

Avvocato

Avvocato pagamento compenso ricorso ex art. 702 bis c.p.c.

0
per ottenere il pagamento del proprio compenso, il legale potrà proporre ricorso ex art. 702 bis c.p.c. (che dà luogo ad un procedimento sommario...

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Ordinanza 8 febbraio 2018, n. 3091

Non costituisce danno risarcibile il pregiudizio subito dal traente in seguito al protesto di un assegno bancario per mancato pagamento, allorche’ la banca trattaria abbia adempiuto all’ordine di non pagare il titolo, impartito dal cliente per iscritto prima della scadenza del termine di presentazione, non potendo farsi discendere dalla non imperativita’ dell’ordine di non pagare prima dello spirare del termine, di cui al Regio Decreto 21 dicembre 1933, n. 1736, articolo 35, anche l’illiceita’ della sua condotta.

 

 

Per approfondire la tematica degli interessi usurari e del superamento del tossa soglia si consiglia la lettura del seguente articolo: Interessi usurari pattuiti nei contatti di mutuo

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Ordinanza 8 febbraio 2018, n. 3091

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Presidente

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8945/2014 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) S.p.a., gia’ (OMISSIS) S.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende, giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5171/2013 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 02/10/2013;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 08/11/2017 dal Cons. Dott. NAZZICONE LOREDANA.

FATTI DI CAUSA

La Corte d’appello di Roma con sentenza del 2 ottobre 2013 ha respinto l’impugnazione proposta avverso la decisione di primo grado, volta alla condanna della (OMISSIS) s.p.a. al risarcimento del danno per l’illegittimo protesto di un assegno, elevato in seguito alla disposizione del cliente.

Ha ritenuto la corte territoriale, per quanto ancora rileva, che legittimamente fu levato il protesto, pur in presenza di fondi, dal momento che era stato dal cliente rifiutato il pagamento, onde il protesto era atto dovuto Regio Decreto n. 1736 del 1933, ex articoli 45 e segg., anche al fine di garantire l’azione di regresso. Ne’ in capo alla banca sussisteva un particolare obbligo di informazione al cliente, trattandosi di disposizioni di legge, che devono essere conosciute. Ha aggiunto che il funzionario di banca chiari’ al notaio la ragione del mancato pagamento, consistente nella truffa ai danni del correntista, onde in nessun modo cio’ poteva ledere la reputazione del cliente. La banca, in definitiva, agi’ con correttezza e buona fede.

Quanto alla doglianza dell’inadempimento della banca per non avere pagato l’assegno, mentre cio’ essa avrebbe dovuto fare nonostante il contrario ordine del cliente, ai sensi dell’articolo 35 r.d. cit., ha ritenuto trattarsi di domanda nuova, ai sensi dell’articolo 345 c.p.c..

Contro questa sentenza viene proposto ricorso per cassazione dal soccombente, affidato ad un motivo; resiste la banca con controricorso.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. – Con l’unico motivo, il ricorrente deduce il vizio di violazione e falsa applicazione, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, articoli 1175, 1176, 1227, 1710 e 1856 c.c., articolo 345 c.p.c., Regio Decreto n. 1736 del 1933, articoli 35, 35 e 46, in quanto, nella specie, non vi era esigenza dell’azione di regresso, recando l’assegno solo la firma del traente e del prenditore, mentre la banca aveva ampi spazi di autonomia nella gestione del rapporto e ben avrebbe potuto non elevare il protesto; quanto alla ritenuta novita’ della domanda di responsabilita’ ex articolo 35 Regio Decreto citato, si trattava di una mera argomentazione giuridica ammissibile; infine, la corte territoriale avrebbe dovuto rilevare la violazione dell’articolo 46 Regio Decreto citato, posto che il protesto e’ stato levato dopo lo spirare del termine di presentazione.

2. – Il motivo e’ in parte infondato ed in parte inammissibile.

Nella sua prima parte, invero, esso trascura il precedente di questa Corte, cui si intende dare continuita’, secondo cui “Non costituisce danno risarcibile il pregiudizio subito dal traente in seguito al protesto di un assegno bancario per mancato pagamento, allorche’ la banca trattaria abbia adempiuto all’ordine di non pagare il titolo, impartito dal cliente per iscritto prima della scadenza del termine di presentazione, non potendo farsi discendere dalla non imperativita’ dell’ordine di non pagare prima dello spirare del termine, di cui al Regio Decreto 21 dicembre 1933, n. 1736, articolo 35, anche l’illiceita’ della sua condotta” (Cass. 10 ottobre 2013, n. 23077).

Quanto alla seconda parte del motivo, esso e’ inammissibile, in quanto difetta di specificita’, ai sensi dell’articolo 366 c.p.c., non riportando il contenuto dell’atto introduttivo in cui il tema sia stato dedotto, ne’ censurando adeguatamente vizio processuale, atteso che la violazione di norme processuali puo’ costituire motivo idoneo di ricorso per cassazione, quando abbia influito in modo determinante sul contenuto della decisione di merito, richiedendosi pero’ per la sua ammissibilita’ che esso venga censurato a norma dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4 (Cass., sez. un., 24 luglio 2013, n. 17931).

Infine, il richiamo alla violazione del Regio Decreto n. 1736 del 1933, articolo 46, secondo cui il protesto “deve farsi prima che sia spirato il termine di presentazione”, e’ parimenti privo del requisito dell’autosufficienza, posto che non ne e’ parola nella decisione impugnata, onde il ricorrente aveva l’onere di indicare il luogo ed il tempo della precedente deduzione, a norma dell’articolo 366 c.p.c..

3. – Le spese seguono la soccombenza.

L’ammissione del ricorrente al gratuito patrocinio determina l’insussistenza dei presupposti per il raddoppio del versamento del contributo unificato, a norma del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1-quater (Cass. 22 marzo 2017, n. 7368).

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna ricorrente al pagamento delle spese di lite, liquidate in Euro 2.200,00 complessivi, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre alle spese forfetarie al 15% ed agli accessori, come per legge.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.