Sinistri stradali assicurazione danno dolosamente provocato dal conducente

21

Corte di Cassazione, Sezione 3 civile Sentenza 6 marzo 2018, n. 5180

In proposito giova rammentare che, in tema di assicurazione obbligatoria dei veicoli a motore, la garanzia assicurativa copre anche il danno dolosamente provocato dal conducente nei confronti del terzo danneggiato, il quale, pertanto, ha diritto di ottenere dall’assicuratore del responsabile il risarcimento del danno, non trovando applicazione la norma di cui all’articolo 1917 c.c. – che non costituisce il paradigma tipico della responsabilita’ civile da circolazione stradale, rinvenibile, invece, nelle leggi della RCA e nelle direttive europee che affermano il principio di solidarieta’ verso il danneggiato – salva la facolta’ della compagnia assicuratrice di rivalersi nei confronti dell’assicurato-danneggiante, per il quale la copertura contrattuale non opera.

 

 

Corte di Cassazione, Sezione 3 civile Sentenza 6 marzo 2018, n. 5180

Integrale

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SPIRITO Angelo – Presidente

Dott. ARMANO Uliana – Consigliere

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere

Dott. FIECCONI Francesca – rel. Consigliere

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 17371/2015 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS) giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) SPA, in persona del procuratore speciale Dott. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende giusta procura speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 1381/2015 della CORTE D’APPELLO di MILANO, depositata il 30/03/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 20/12/2017 dal Consigliere Dott. FRANCESCA FIECCONI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CARDINO Alberto, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato (OMISSIS) per delega;

udito l’Avvocato (OMISSIS).

SVOLGIMENTO DEL GIUDIZIO

1.1. (OMISSIS), citata quale responsabile civile per l’incidente stradale occorso il (OMISSIS) nel comune di (OMISSIS), all’incrocio tra (OMISSIS), provocato con la vettura di sua proprieta’ da (OMISSIS), allora minorenne, figlia di (OMISSIS) e di (OMISSIS), ricorre per cassazione avverso la sentenza della Corte d’appello di Milano, pronunciata il 30 marzo 2015 la quale, in parziale riforma della sentenza di primo grado emessa dal tribunale di Varese l’8 novembre 2011, il giudice di secondo grado; a) rideterminava la somma liquidata alle vittime del sinistro; b) in accoglimento del gravame proposto da (OMISSIS) S.p.A. ( (OMISSIS)), condannava in via di regresso i genitori della minore e la proprietaria del veicolo, in via tra loro solidale, a rifondere alla compagnia assicuratrice gli importi corrisposti ai danneggiati a titolo di risarcimento, con ulteriore condanna al pagamento delle spese di giudizio del primo del secondo grado, c) respingeva l’appello incidentale proposto da (OMISSIS), proprietaria dell’auto, relativamente all’affermata responsabilita’, ritenendo che non fosse stata raggiunta la prova liberatoria basata sul fatto che la minore si era messa alla guida dell’auto contro la sua espressa volonta’. Con ricorso per cassazione notificato il 2 luglio 2015 e depositato il 16 luglio 2015, (OMISSIS) ricorre in cassazione deducendo tre motivi di impugnazione. Nel giudizio di cassazione interveniva la (OMISSIS) S.p.A. che deduceva l’inammissibilita’ o l’infondatezza del ricorso. La controricorrente produceva memoria difensiva. All’udienza di discussione fissata per il 20 dicembre 2017 il Procuratore generale concludeva come in atti, chiedendo il rigetto del ricorso.

MOTIVI DELLA DECISIONE

2. Con il primo motivo di ricorso si deduce l’omessa o la falsa applicazione degli articoli 40 e 41 c.p., articolo 2054 c.c., comma 3, in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 3, sull’assunto che il giudice di secondo grado sia incorso nel grave errore logico e giuridico di confondere il piano della colpevolezza con quello della causalita’, considerando che la proprietaria, a quel tempo assente per ferie, non avrebbe assolto l’onere della prova liberatoria relativa alla “circolazione prohibente domino”. La responsabilita’ solidale nella causazione del sinistro sarebbe stata giudicata addebitabile anche alla ricorrente per avere – in tesi – affidato incautamente il veicolo di sua proprieta’ al figlio (OMISSIS), allora maggiorenne, abilitato alla guida il quale, a sua volta, in assenza della madre, l’avrebbe incautamente consegnato alla minore priva di abilitazione alla guida. Assume la ricorrente che, senza l’incauto affidamento del veicolo operato, per sua autonoma e imprevedibile iniziativa, dal figlio alla minore, quest’ultima non avrebbe potuto porsi alla guida del mezzo, posto che la condotta della proprietaria di affidamento del veicolo al figlio, in base a un criterio probabilistico, non poteva costituire una situazione di pericolo per la circolazione. Il motivo di ricorso, tuttavia, non confronta le circostanze, genericamente riferite al nesso di causalita’, con la motivazione resa sul punto, ove si legge che, per stessa ammissione della ricorrente (la quale ha chiesto di provare la suddetta circostanza anche per testi) gia’ in altra occasione la guida della sua auto era stata lasciata alla minore dal di lei figlio, e cio’ non di meno si era allontanata per ferie da casa, abbandonandovi le chiavi della sua auto, dimostrando pertanto di non avere adottato in concreto un comportamento ostativo, specificamente inteso a impedire la circolazione del veicolo mediante l’adozione di cautele tali che la volonta’ del proprietario non possa risultare superata. Il motivo d’impugnazione dedotto e’ pertanto inammissibile in quanto non riferito allo specifico punto di motivazione con cui e’ stata affermata la responsabilita’ della ricorrente.

3. Con il secondo motivo si deduce la violazione dei principi del giusto processo e la violazione e o la falsa applicazione dell’articolo 2697 c.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, sull’assunto che il giudice di secondo grado abbia ingiustamente negato all’appellante la possibilita’ di espletare le prove orali reiterate con l’atto di appello incidentale, in tal modo violando i principi in tema di giusto processo e segnatamente il diritto di difesa, il diritto alla prova, e di parita’ di contraddittorio. In proposito, si osserva che capitoli di prova non ammessi attengono a circostanze che la stessa Corte d’appello ha preso in considerazione come, se anche avvenute, non in grado di provare la estraneita’ ai fatti della proprietaria del veicolo. Anche tale deduzione e’ inammissibile in quanto non logicamente collegata alla motivazione resa dalla Corte territoriale.

4. Con il terzo motivo si deduce l’omessa o la violata e falsa applicazione della L. n. 990 del 1969, articolo 18, articolo 2054 c.c., comma 3, articoli 40 e 41 c.p., in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 3, deducendo che il diritto di rivalsa e’ stato esercitato dall’assicurazione senza tener conto della carenza di apporto causale del proprio assicurato in relazione allo utilizzo del veicolo, poiche’ la minore si era impossessata illecitamente del veicolo concretando di fatto l’ipotesi del reato di furto o di furto d’uso, fruendo solo della complicita’ del figlio (OMISSIS). In proposito giova rammentare che, in tema di assicurazione obbligatoria dei veicoli a motore, la garanzia assicurativa copre anche il danno dolosamente provocato dal conducente nei confronti del terzo danneggiato, il quale, pertanto, ha diritto di ottenere dall’assicuratore del responsabile il risarcimento del danno, non trovando applicazione la norma di cui all’articolo 1917 c.c. – che non costituisce il paradigma tipico della responsabilita’ civile da circolazione stradale, rinvenibile, invece, nelle leggi della RCA e nelle direttive europee che affermano il principio di solidarieta’ verso il danneggiato – salva la facolta’ della compagnia assicuratrice di rivalersi nei confronti dell’assicurato-danneggiante, per il quale la copertura contrattuale non opera (v. sez. 3, Cass. Sez. 3, Ordinanza n. 19368 del 03/08/2017, che ha affermato tale principio con riferimento ad una fattispecie in cui la autovettura era stata utilizzata come una vera e propria arma, investendo piu’ volte la vittima nell’intento deliberato di ferirla o di ucciderla). Alla luce di quanto sopra osservato, anche tale motivo risulta inammissibile, in quanto la ricorrente mette genericamente in discussione l’esercizio del diritto di rivalsa dell’assicuratore in un caso ove la copertura assicurativa certamente opera a favore del danneggiato e genera un diritto di rivalsa nei confronti dei responsabili civili che hanno consentito alla minore di mettersi alla guida dell’auto. Pertanto tale deduzione risulta inammissibile in quanto ancora una volta non attinente alla pronuncia che ha affermato la responsabilita’ solidale della ricorrente nella causazione dell’evento lesivo.

5. Alla soccombenza della ricorrente segue la condanna alle spese ex articolo 91 c.p.c., liquidate come di seguito in base alle tariffe in uso, oltre la condanna al pagamento del contributo unificato ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis.

P.Q.M.

1. Dichiara inammissibile il ricorso;

2. Condanna la ricorrente alle spese, liquidate in Euro 14.094,00 per onorari, Euro 200,00 per spese, oltre spese forfetarie al 15% e oneri di legge.

3. Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.