Home Condominio Amministratore condominio documentazione giustificativa del bilancio

Amministratore condominio documentazione giustificativa del bilancio

-

I Più Letti

Avvocato

Avvocato pagamento compenso ricorso ex art. 702 bis c.p.c.

0
per ottenere il pagamento del proprio compenso, il legale potrà proporre ricorso ex art. 702 bis c.p.c. (che dà luogo ad un procedimento sommario...

Indice dei contenuti:

l’amministratore del condominio non ha l’obbligo di depositare integralmente la documentazione giustificativa del bilancio negli edifici, ma e’ soltanto tenuto a permettere ai condomini che ne facciano richiesta di prendere visione ed estrarre copia, a loro spese, della documentazione contabile, gravando sui condomini l’onere di dimostrare che l’amministratore non ha loro consentito di esercitare detta facolta’.

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di condominio, si consiglia invece  la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione  che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia condominiale  si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La responsabilità parziaria e/o solidale per le obbligazioni condominiali

Lastrico solare ad uso esclusivo regime giuridico e responsabilità

L’impugnazione delle delibere condominiali ex art 1137 cc

L’amministratore di condominio: prorogatio imperii

La revoca dell’amministratore di condominio

Rappresentanza giudiziale del condominio: la legittimazione a resistere in giudizio ed a proporre impugnazione dell’amministratore di condominio.

L’obbligo dell’amministratore di eseguire le delibere della assemblea di condominio e la conseguente responsabilità.

La responsabilità dell’amministratore di condominio in conseguenza del potere – dovere di curare l’osservanza del regolamento condominiale.

La responsabilità (civile) dell’amministratore di condominio.

Recupero credito nei confronti del condomino moroso

Corte di Cassazione, Sezione 6 2 civile Ordinanza 25 giugno 2018, n. 16677

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere

Dott. SCARPA Antonio – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7776/2017 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

CONDOMINIO (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1710/2016 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE, depositata il 18/10/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 10/04/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIO SCARPA.

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

(OMISSIS) ha proposto ricorso articolato in due motivi (violazione degli articoli 1130, 1136, 1710 e 1713 c.c.; violazione dell’articolo 132 c.p.c. e dell’articolo 111 Cost.) avverso la sentenza 18 ottobre 2016, n. 1710/2016, resa dalla Corte d’Appello di Firenze, la quale ha respinto le impugnative di delibera ex articolo 1137 c.c. avanzate dalle condomine (OMISSIS) e (OMISSIS).

Il Condominio (OMISSIS), resiste con controricorso.

Le ragioni dell’impugnazione della deliberazione assembleare del 29 gennaio 2013, di approvazione del bilancio consuntivo 2011 e del bilancio preventivo 2012, poggiavano sulla mancata produzione delle fatture relative alla fornitura di gas ed all’inesistenza della documentazione in merito al servizio di giardinaggio. La Corte d’Appello di Firenze ha tuttavia escluso l’invalidita’ della delibera, non avendo (OMISSIS) e (OMISSIS) provato che fosse stato loro negato l’accesso alle fatture del gas, ed in particolare reputando inattendibile la testimonianza resa al riguardo da (OMISSIS), figlia della (OMISSIS) e da questa delegata a prendersi cura delle vicende condominiali. La Corte di Firenze ha altresi’ messo in rilievo come il convenuto Condominio avesse gia’ all’atto della sua costituzione in primo grado prodotto le fatture inerenti alla spesa di fornitura del gas. Circa le spese di giardinaggio, la sentenza impugnata ha evidenziato come la relativa documentazione contabile fosse difficilmente reperibile, in quanto l’addetto al servizio era stato assunto attraverso la partita IVA di altro condominio; peraltro, la Corte d’Appello rileva come (OMISSIS) e (OMISSIS) avessero poi preso visione della documentazione e che la Delib. 17 ottobre 2012, non approvo’ alcunche’ riguardo ai lavori di giardinaggio proprio in attesa di acquisire la documentazione contabile.

Su proposta del relatore, che riteneva che il ricorso potesse essere rigettato per manifesta infondatezza, con la conseguente definibilita’ nelle forme di cui all’articolo 380-bis c.p.c., in relazione all’articolo 375 c.p.c., comma 1, n. 5), il presidente ha fissato l’adunanza della Camera di consiglio.

La ricorrente ha presentato memoria ai sensi dell’articolo 380 bis c.p.c., comma 2.

Va premesso che il giudizio per l’impugnazione della deliberazione assembleare venne instaurato davanti al Tribunale di Livorno dai condomini (OMISSIS), (OMISSIS) (coniugi) e (OMISSIS); l’appello venne poi promosso da (OMISSIS) e (OMISSIS); il ricorso per cassazione e’ stato infine proposto dalla sola (OMISSIS) nei confronti del Condominio (OMISSIS).

Ora, e’ noto come, in tema di condominio, la legittimazione ad impugnare una deliberazione assembleare compete individualmente e separatamente agli assenti e ai dissenzienti (nonche’ ai presenti e consenzienti, senza limiti di tempo, quando si verte in tema di nullita’) e ognuno puo’ esercitare l’azione verso il condominio rappresentato dall’amministratore, senza necessita’ di chiamare in causa gli altri. Se pero’ la decisione viene resa nei confronti di piu’ condomini, che abbiano agito in uno stesso processo, tutti sono parti necessarie nei successivi giudizi di impugnazione, poiche’ per tutti deve poter fare stato soltanto la pronuncia finale, dandosi altrimenti luogo all’eventualita’ di giudicati contrastanti, con l’affermazione della legittimita’ della deliberazione per alcuni e della sua invalidita’ per altri (cfr. Cass. Sez. 2, 26 settembre 2017, n. 22370; Cass., Sez. 2, 31 maggio 2017, n. 13791; Cass., Sez. 2, 12 febbraio 2016, n. 2859; Cass., Sez. 2, 13 aprile 2005, n. 2471; Cass., Sez. 2, 6 ottobre 2000, n. 13331). Tuttavia, visto che il ricorso per cassazione risulta “prima facie” infondato, appare superflua, pur sussistendone i presupposti, la fissazione del termine ex articolo 331 c.p.c., per l’integrazione del contraddittorio, atteso che la concessione di esso si tradurrebbe, oltre che in un aggravio di spese, in un allungamento dei termini per la definizione del giudizio di cassazione senza comportare alcun beneficio per la garanzia dell’effettivita’ dei diritti processuali delle parti (cfr. Cass. Sez. U, 23/09/2013, n. 21670).

I due motivi di ricorso possono essere esaminati congiuntamente, in quanto connessi tra loro, e si rivelano manifestamente infondati.

Il riferimento contenuto in ricorso al testo dell’articolo 1129 c.c., comma 14, non tiene conto che tale disposizione e’ stata introdotta dalle L. n. 220 del 2012, ed e’ percio’ entrata il vigore il 18 giugno 2013, mentre qui e’ in discussione la validita’ di una deliberazione assembleare del gennaio 2013.

D’altro canto, se e’ vero che l’articolo 1129 c.c., comma 2, dopo la Riforma introdotta con la L. n. 220 del 2012, prevede ora espressamente che l’amministratore debba comunicare il locale dove si trovano i registri condominiali, nonche’ i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta, possa, appunto, prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia firmata, e’ anche costante, e meritevole tuttora di conferma, l’interpretazione di questa Corte secondo cui la vigilanza ed il controllo, esercitati dai partecipanti essenzialmente, ma non soltanto, in sede di rendiconto annuale e di approvazione del bilancio da parte dell’assemblea, non devono mai risolversi in un intralcio all’amministrazione, e quindi non possono porsi in contrasto con il principio della correttezza ex articolo 1175 c.c. (Cass. Sez. 6-2, 18/05/2017, n. 12579; Cass. Sez. 2, 21 settembre 2011, n. 19210; Cass. Sez. 2, 29 novembre 2001, n. 15159; Cass. Sez. 2, 19 settembre 2014, n. 19799).

La sentenza della Corte d’Appello di Firenze non merita comunque censura, perche’ ha fatto corretta applicazione dell’orientamento giurisprudenziale secondo cui l’amministratore del condominio non ha l’obbligo di depositare integralmente la documentazione giustificativa del bilancio negli edifici, ma e’ soltanto tenuto a permettere ai condomini che ne facciano richiesta di prendere visione ed estrarre copia, a loro spese, della documentazione contabile, gravando sui condomini l’onere di dimostrare che l’amministratore non ha loro consentito di esercitare detta facolta’ (Cass., Sez. 2, 28/01/2004, n. 1544; Cass. Sez. 2, 19/05/2008, n. 12650).

Nella specie, la sentenza impugnata, con motivazione che certamente contiene le argomentazioni rilevanti per individuare e comprendere le ragioni, in fatto e in diritto, della decisione, ha affermato che le appellanti non avessero provato l’assunta impossibilita’ di prendere visione della documentazione contabile in vista dell’assemblea del 29 gennaio 2013.

La ricorrente, con le sue censure, invoca inammissibilmente da questa Corte un riesame ed un’autonoma rivalutazione del merito della controversia, ovvero un diverso giudizio sulle risultanze processuali e, in particolare, sull’attendibilita’ delle deposizioni testimoniali (in particolare, quella di (OMISSIS)), giudizio invece frutto di un apprezzamento di fatto non sindacabile in sede di legittimita’.

Il ricorso va percio’ rigettato e la ricorrente va condannata a rimborsare al Condominio controricorrente le spese del giudizio di cassazione.

Sussistono le condizioni per dare atto – ai sensi della L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17, che ha aggiunto il comma 1-quater al Testo Unico di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13 – dell’obbligo di versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per l’impugnazione integralmente rigettata.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente a rimborsare al controricorrente le spese sostenute nel giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 1.700,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre a spese generali e ad accessori di legge.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1-quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.