HomeCondominioAppalto al condominio non applicabile art art. 29 d.gls. 276/03

Appalto al condominio non applicabile art art. 29 d.gls. 276/03

-

I Più Letti

Contratti

Contratti prova della consegna della merce all’acquirente

0
nei contratti aventi ad oggetto la consegna di una quantità di merce da una parte all'altra, la prove delta consegna all'acquirente è libera, nel...

Tribunale Torino, Sezione Lavoro civile Sentenza 18 gennaio 2018, n. 98

Il condominio quindi quale ente di gestione collegiale di interessi individuali sfornito di autonomia patrimoniale e personalità giuridica è escluso dal campo applicativo dell’art. 29 d.gls. 276/03.

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza, si consiglia invece  la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione  che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia condominiale  si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La responsabilità parziaria e/o solidale per le obbligazioni condominiali

Lastrico solare ad uso esclusivo regime giuridico e responsabilità

L’impugnazione delle delibere condominiali ex art 1137 cc

L’amministratore di condominio: prorogatio imperii

La revoca dell’amministratore di condominio

Rappresentanza giudiziale del condominio: la legittimazione a resistere in giudizio ed a proporre impugnazione dell’amministratore di condominio.

L’obbligo dell’amministratore di eseguire le delibere della assemblea di condominio e la conseguente responsabilità.

La responsabilità dell’amministratore di condominio in conseguenza del potere – dovere di curare l’osservanza del regolamento condominiale.

La responsabilità (civile) dell’amministratore di condominio.

Recupero credito nei confronti del condomino moroso

Tribunale Torino, Sezione Lavoro civile Sentenza 18 gennaio 2018, n. 98

Integrale

Retribuzione

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL TRIBUNALE ORDINARIO DI TORINO

SEZIONE LAVORO

Sentenza ex art. 429 C.P.C. pronunciata all’udienza del 18/01/2018 nella causa RGL n. 6020 /2016 promossa da:

RI.DO. ass. avv. BE.SI.,

HO.CO. ass. avv. BE.SI.,

PARTE RICORRENTE

contro

  1. S.r.l. ass. avv.,
  2. S.r.l. ass. avv.,

COND. LA RESIDENZA ass. avv. VO.FA.,

PARTE CONVENUTA

Premesso che:

– I ricorrenti – deducendo di aver lavorato alle dipendenze della AU. SRL/ED. S.r.l. nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2014 per l’appalto conferito dal condominio di corso (…) Collegno – chiedono la condanna in solido dei convenuti al pagamento in favore di Ri. di Euro 6.041,00 e di Ho.Co. di Euro 4.699,06

– Il ricorrente Ri. chiede altresì la condanna dei convenuti in solido al pagamento del noleggio delle struttura di sua proprietà per Euro 7.820,00

– Si costituisce il condominio la residenza chiedendo preliminarmente l’estromissione dal giudizio e contestando nel merito le domande;

– AU. S.r.l. ed Ed. SRL, ritualmente citate, rimangono contumaci;

ritenuto che:

– La domanda di accertamento dei due rapporti di lavoro subordinato formulata nel ricorso introduttivo è in parte fondata;

– I testi escussi hanno infatti concordemente riferito che entrambi i ricorrenti hanno lavorato presso il condominio La residenza occupandosi del rifacimento della facciata ed osservando il normale orario di lavoro di cantiere;

– Il teste Pa. ha altresì precisato che il Ri. era il responsabile dei lavori, circostanza che comporta l’inquadramento nel 6 livello ccnl edili rivendicato in ricorso

– Ulteriori argomenti di prova possono poi essere desunti dal comportamento processuale assenteistico della parte convenuta che non ha assolto all’onere di comparire in udienza e contestare i fatti allegati in ricorso

– Peraltro, non essendo ipotizzabile l’intercorrenza del rapporto di lavoro con due distinte parti datoriali, deve ritenersi provato che entrambi i rapporti sono intercorsi con la Au. S.r.l. sia perché è sostanzialmente pacifico che i lavori di rifacimento della facciata condominiale sono stati ad essa subappaltati dalla Pa., circostanza che rende necessaria l’assunzione di manodopera da parte della subappaltatrice incaricata della materiale esecuzione dei lavori, sia perché l’unica busta paga prodotta in giudizio risulta essere stata emessa dalla Au. S.r.l. sia infine perché il Ri. nella denuncia all’ispettorato ha individuato quale unica parte datoriale la Au. srl;

– Era onere della parte datoriale provare di aver corrisposto le retribuzioni qui rivendicate e tale onere non è stato assolto essendosi la convenuta mantenuta contuamce;

– Il quantum non è stato contestato ed appare correttamente quantificato in base ai parametri di riferimento contenuti nel ccnl di settore;

– Quanto alla individuazione dei soggetti tenuti al pagamento va innanzitutto disattesa la domanda di condanna del condominio ai sensi dell’art. 29 D.Lgs. 276/03;

– L’art. 29 3-ter espressamente esclude dalla solidarietà passiva tra committente ed appaltatore sancita dal comma 2 il committente persona fisica che non esercita attività di impresa o professionale;

– Secondo il condivisibile orientamento espresso in punto dalla Suprema Corte (Cass. 10679/15) il condominio è un ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta da quella dei suoi partecipanti i quali sono persone fisiche operanti per scopi estranei ad attività imprenditoriali o professionali;

– Il condominio quindi quale ente di gestione collegiale di interessi individuali sfornito di autonomia patrimoniale e personalità giuridica è escluso dal campo applicativo dell’art. 29 d.gls. 276/03 (conforme trib. Milano 2370/11 e 4506/11);

– Quanto alla responsabilità ex art. 1676 c.c. pur essendo incontestato che i ricorrenti hanno azionato per primi la responsabilità del committente con la lettera del 18 novembre 2014 tuttavia la domanda di condanna del condominio non può essere accolta;

– È infatti provato in causa che il condominio ha correttamente trattenuto l’importo ancora dovuto alla società appaltatrice a seguito della diffida ricevuta dai due odierni ricorrenti;

– È altresì documentalmente provato che – a seguito del pignoramento eseguito su istanza di Ma.D’E. – il condominio ha reso la dichiarazione di terzo precisando l’esistenza della diffida dei due ricorrenti ma il giudice dell’esecuzione con ordinanza 31.10.2016 ha assegnato al creditore procedente D’E. l’intera somma trattenuta ed il condominio ha quindi adempiuto all’ordine giudiziale;

– Il credito dell’appaltatrice correttamente trattenuto dal committente a seguito della domanda dei due lavoratori si è quindi estinto per successivo factum principis ed il condominio va esente da responsabilità stante l’impossibilità sopravvenuta, discendente dall’ordine giudiziale, di trattenere le somme ancora dovute all’appaltatrice;

– La condanna può essere pronunciata solo nei confronti della parte datoriale Au. S.r.l. stante l’inapplicabilità dell’art. 29 che sancisce la responsabilità solidale tra appaltatore e subappaltatore per i crediti retribuitivi;

– Infine al domanda di condanna al pagamento del noleggio delle strutture di proprietà del Ri. quantificata in Euro 7.820,00 va respinta sia perché manca la prova dell’utilizzazione nell’appalto in oggetto di una struttura di proprietà del Ri. sia perché manca la prova della proprietà in capo al Ri. di ponteggi sia perché manca la prova del costo del noleggio;

– Le spese di lite seguono la soccombenza e vanno poste a carico della Au. srl; ricorrono giusti motivi per compensare le spese tra ricorrenti ed il condominio tenuto conto della tempestività della domanda ex art. 1676 c.c. e dell’impossibilità di conoscere l’assegnazione a terzi della somma trattenuta.

P.Q.M.

In parziale accoglimento del ricorso

dichiara che Do.Ri. e Ho.Co. hanno lavorato alle dipendenze della Au. S.r.l. dal 1 settembre al 30 novembre 2014 e conseguentemente condanna la AU. S.r.l. a pagare a Do.Ri. Euro 6.041,60 ed a Ho.Co. Euro 4.699,06 oltre rivalutazione monetaria ed interessi legali dal dovuto al saldo;

condanna la AU. S.r.l. a rimborsare ai ricorrenti le spese di lite liquidate in Euro 2.000,00 oltre rimborso forfetario, Iva e cpa

compensa le spese con il condominio La.

Così deciso in Torino il 18 gennaio 2018.

Depositata in Cancelleria il 18 gennaio 2018.

 

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.