HomeContrattiAssicurazione contro i danni inadempimento e buona fede esecuzione contratto

Assicurazione contro i danni inadempimento e buona fede esecuzione contratto

-

I Più Letti

Contratti

Contratti prova della consegna della merce all’acquirente

0
nei contratti aventi ad oggetto la consegna di una quantità di merce da una parte all'altra, la prove delta consegna all'acquirente è libera, nel...

Nei contratti di assicurazione contro i danni che prevedano la determinazione del premio in base ad elementi variabili (cosiddetta assicurazione con clausola di regolazione del premio), l’obbligo dell’assicurato di comunicare periodicamente all’assicuratore gli elementi variabili costituisce oggetto di un’obbligazione civile diversa da quelle indicate nell’articolo 1901 c.c., il cui inadempimento non comporta l’automatica sospensione della garanzia, ma puo’ giustificare un tale effetto, cosi’ come la risoluzione del contratto, solo in base ai principi generali in tema di importanza dell’inadempimento e di buona fede nell’esecuzione del contratto.

 

Per ulteriori approfondimenti in merito al contratto di assicurazione si cosiglia la lettura dei seguenti articoli:

Il contratto di assicurazione principi generali

L’assicurazione contro i danni e l’assicurazione per la responsabilità civile.

L’assicurazione sulla vita (c.d. Polizza vita)

Corte di Cassazione, Sezione 6 civile Ordinanza 13 dicembre 2011, n. 26783

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere

Dott. LANZILLO Raffaella – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15003/2010 proposto da:

BR. LU. (OMESSO), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEGLI SCIPIONI 281/283, presso lo studio dell’avvocato PETRASSI MAURO, rappresentato e difeso dall’avvocato BRASILE GERARDO giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

SA. AS. SPA, MI. SE. SAS;

– intimate –

avverso la sentenza n, 158/2010 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA del 24/02/2009, depositata il 18/02/2010;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 17/11/2011 dal Consigliere Relatore Dott. RAFFAELLA LANZILLO;

e’ presente il P.G. in persona del Dott. ANTONIETTA CARESTIA.

La Corte:

PREMESSO IN FATTO

– E’ stata depositata in Cancelleria la seguente relazione ai sensi dell’articolo 380bis c.p.c.:

“1.- La Corte di appello dell’Aquila ha confermato la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale di Vasto, che ha condannato l’avv. Br. Lu. al risarcimento dei danni in favore della s.a.s. Mi. , a seguito di una causa nella quale il Br. aveva prestato alla societa’ la sua attivita’ difensiva, con modalita’ ritenute negligenti e fonte di responsabilita’ professionale. Il Tribunale aveva anche respinto la domanda di garanzia, proposta dal responsabile nei confronti della sua assicuratrice, s.p.a. SA. . Il Br. propone quattro motivi di ricorso per cassazione.

2.- Le societa’ intimate non hanno depositato difese.

3.- Con il primo motivo il ricorrente lamenta errata motivazione, nella parte in cui la Corte di appello ha rimesso in istruttoria la causa – gia’ assegnata al Collegio per la decisione – rimettendo ingiustificatamente in termini tutte le controparti per lo svolgimento di attivita’ istruttorie.

Espone che la causa promossa dalla Mi. per responsabilita’ professionale era stata riunita alla causa che egli stesso aveva separatamente promosso contro la SA. per essere garantito; che il Collegio, ritenuta la necessita’ che la causa contro la SA. venisse istruita, ha concesso termine per svolgere le proprie istanze a tutte le parti, ivi inclusa la Mi. , trascurando il fatto che le domande di quest’ultima erano gia’ state completamente istruite in precedenza; che la domanda di rimessione in termini era stata formulata solo dalla SA. e che l’istruttoria puo’ essere riaperta solo in relazione alle istanze delle parti che non siano state ammesse e che vengano riproposte in sede di precisazione delle conclusioni.

3.1.- Il motivo e’ inammissibile sotto piu’ di un profilo.

Il ricorrente in primo luogo prospetta come “errata motivazione” censure che attengono a violazione di legge ed in particolare alla violazione delle norme che regolano lo svolgimento del processo: norme che non vengono in alcun modo richiamate.

In secondo luogo non specifica quali nuove prove sarebbero state irritualmente ammesse ed esperite su istanza della Mi. , dopo la rimessione in termini, e sotto quale profilo l’ammissione sarebbe tornata a suo danno, comportando l’adozione di una sentenza per lui sfavorevole.

Manca cioe’ la prova della rilevanza delle censure ai fini dell’annullamento della sentenza impugnata.

In terzo luogo il ricorrente non ha prodotto, ne’ ha richiamato nel ricorso, gli atti e i documenti su cui il motivo si fonda (istanze istruttorie o documenti prodotti dalla Mi. , asseritamente inammissibili, loro esito e contenuto, ecc.), come prescritto a pena di inammissibilita’ dall’articolo 366 c.p.c., n. 6, (Cass. civ. Sez. 3, 17 luglio 2008 n. 19766; Cass. civ. S.U. 2 dicembre 2008 n. 28547, Cass. civ. Sez. Lav, 7 febbraio 2011 n. 2966).

4.- Con il secondo motivo il ricorrente denuncia errata motivazione e vizio di ultrapetizione, nella parte in cui la Corte di appello lo ha condannato a corrispondere alla Mi. gli interessi sulle somme dovute a decorrere dalla data dell’illecito, anziche’ dalla data in cui sono stati concretamente sostenuti gli esborsi, qualificando erroneamente come extracontrattuale la responsabilita’ addebitatagli. (Si tratta delle somme che l’avv. Br. e’ tenuto a rimborsare alla Mi. , per le spese legali che la societa’ e’ stata condannata a pagare alle controparti, erroneamente chiamate in giudizio nella causa da cui ha avuto origine l’azione di responsabilita’).

Rileva il ricorrente che erroneamente la sentenza impugnata ha applicato l’articolo 1219 c.c., comma 2, n. 1, poiche’ nella specie si trattava di responsabilita’ contrattuale, sicche’ gli interessi dovevano farsi decorrere dalla data della domanda giudiziale, salvo che la parte interessata formulasse specifica e fondata domanda di pagamento degli interessi a decorrere da una data anteriore, domanda che nella specie non e’ stata proposta.

4.1.- Il motivo e’ fondato.

La responsabilita’ del difensore per errore o negligenza nell’adempimento del mandato professionale trae origine dal contratto con cui e’ stato conferito l’incarico di difesa. Trattasi pertanto di responsabilita’ contrattuale; non extracontrattuale, come ha erroneamente deciso la sentenza impugnata.

La corresponsione degli interessi sulle somme dovute a titolo di risarcimento del danno non e’ soggetta all’articolo 1219 c.c., comma 2, n. 1, ma spetta a decorrere dal primo atto di costituzione in mora del responsabile e comunque da data non anteriore a quella in cui il danno si e’ concretamente verificato.

La Corte di appello avrebbe potuto far decorrere gli interessi da una data anteriore alla domanda giudiziale solo a fronte di espressa domanda dell’interessato, previa dimostrazione dei presupposti giuridici e di fatto della sua fondatezza.

La motivazione della Corte di appello, secondo cui sarebbe da ritenere sufficiente a far decorrere gli interessi da una data anteriore la generica domanda di condanna al pagamento degli “accessori” sulle somme richieste, e’ insufficiente e giuridicamente errata.

5.- Con il terzo motivo il ricorrente lamenta ancora errata motivazione, nella parte in cui la Corte di appello ha respinto la sua domanda nei confronti della SA. , ritenendo che la copertura assicurativa dovesse considerarsi sospesa ai sensi dell’articolo 1901 c.c., poiche’ – trattandosi di polizza a copertura della responsabilita’ professionale con premio variabile in relazione al volume di affari – esso assicurato aveva omesso di comunicare annualmente le variazioni, limitandosi a corrispondere il premio base. Con il quarto motivo denuncia errata motivazione sulla sua eccezione di nullita’ della clausola n. 12 delle condizioni generali di polizza, che dispone la sospensione della garanzia assicurativa nel caso di mancata comunicazione delle variazioni, con il conseguente, mancato adeguamento del premio.

Il ricorrente richiama la giurisprudenza di questa Corte secondo cui l’omessa comunicazione non giustifica di per se’ sola la sospensione della garanzia assicurativa, ma deve essere valutata in base ai principi generali in tema di importanza dell’inadempimento e di buona fede nell’esecuzione del contratto, al fine di accertare se, nel caso concreto, si tratti di inadempimento sufficientemente grave da giustificare la totale sospensione della garanzia assicurativa.

Rileva poi che la clausola n, 12 e’ da ritenere nulla per mancanza di causa.

6.- I due motivi, che possono essere congiuntamente esaminati perche’ connessi, sono fondati.

6.1.- Nei contratti di assicurazione contro i danni che prevedano la determinazione del premio in base ad elementi variabili (cosiddetta assicurazione con clausola di regolazione del premio), l’obbligo dell’assicurato di comunicare periodicamente all’assicuratore gli elementi variabili costituisce oggetto di un’obbligazione civile diversa da quelle indicate nell’articolo 1901 c.c., il cui inadempimento non comporta l’automatica sospensione della garanzia, ma puo’ giustificare un tale effetto, cosi’ come la risoluzione del contratto, solo in base ai principi generali in tema di importanza dell’inadempimento e di buona fede nell’esecuzione del contratto (Cass. civ. Sez. 3, 19 luglio 2004 n. 13344; Idem, 18 febbraio 2005 n. 3370; Cass. civ. S.U. 28 febbraio 2007 n. 4631; Cass. civ. Sez. 3, 14 luglio 2009 n. 16394; Idem 11 giugno 2010 n. 14065).

Il giudice di merito e’ pertanto tenuto ad accertare se l’omessa comunicazione abbia costituito inadempimento grave, tale da giustificare la risoluzione del contratto (soprattutto con riguardo all’incidenza o meno delle variazioni non comunicate sul rischio assicurato), e se l’omessa comunicazione, cosi’ come il diniego della copertura assicurativa da parte dell’assicuratore, costituiscano comportamenti conformi a buona fede, alla luce dell’intero svolgimento del rapporto fra le parti.

Nella specie la Corte di appello avrebbe dovuto valutare, per esempio, se la mancata comunicazione della variazione del volume di affari avesse comportato un aggravamento del rischio a carico dell’assicuratore, poiche’ in ipotesi il volume era effettivamente aumentato; se l’assicurato avesse pagato i premi nella misura richiesta dalla stessa compagnia assicuratrice; se quest’ultima avesse mai sollecitato l’invio della documentazione necessaria per l’adeguamento del premio, informando l’assicurato dei gravi effetti dell’omissione, ecc..

Nel ritenere automaticamente sospesa la garanzia, a prescindere da ogni accertamento, la Corte di appello e’ incorsa nella violazione dei principi di legge, cosi’ come interpretati dalla giurisprudenza di questa Corte.

6.2.- Fondata e’ anche la censura di omesso esame dell’eccezione di nullita’ della clausola n. 12 delle condizioni generali di assicurazione, eccezione che appare in linea di principio meritevole di accoglimento, ai sensi dell’articolo 1932 c.c., ove si consideri che la clausola in oggetto estende la sospensione della copertura assicurativa ad un caso non espressamente previsto dall’articolo 1901 c.c., introducendo cosi’ una deroga alla disciplina di diritto comune in senso sfavorevole all’assicurato (cfr., con riguardo ad altra disposizione dell’articolo 1901, Cass. civ. Sez. 3, 3 settembre 2007 n. 18525).

5.- Propongo che il ricorso sia deciso in Camera di consiglio, con l’accoglimento del secondo, terzo e quarto motivo e la dichiarazione di inammissibilita’ del primo motivo”.

– La relazione e’ stata comunicata al pubblico ministero e ai difensori delle parti.

– Il P.M. non ha depositato conclusioni scritte.

Il ricorrente ha depositato memoria, dichiarando di rinunciare al primo motivo di ricorso.

CONSIDERATO IN DIRITTO

Il Collegio, all’esito dell’esame del ricorso, condivide la soluzione e gli argomenti di cui alla relazione, quanto al primo motivo di ricorso.

Sul secondo motivo rileva che la sentenza impugnata ha confermato la decisione di primo grado, quanto alla decorrenza degli interessi dalla data dell’illecito, sul rilievo che trattasi di effetto conseguente alla qualificazione della responsabilita’ del professionista come responsabilita’ extracontrattuale, contenuta nella sentenza di primo grado. Relativamente a tale qualificazione la sentenza di primo grado non e’ stata impugnata (cfr. le conclusioni dell’appellante, riportate nella sentenza di appello), sicche’ e’ passata in giudicato e, trattandosi di giudicato interno, la questione deve essere rilevata di ufficio.

Ne consegue che correttamente la Corte di appello ha confermato la decorrenza degli interessi dalla data dell’illecito.

Il terzo motivo e’ inammissibile perche’ non autosufficiente, in quanto il ricorrente non ha prodotto in giudizio la polizza di assicurazione, ne’ ha trascritto nel ricorso il contenuto delle relative clausole, per la parte che interessa in questa sede, come prescritto a pena di inammissibilita’ dall’articolo 366 c.p.c., n. 6, con riguardo ai documenti sui quali il ricorso si fonda (come da giurisprudenza cit. nella relazione).

Il quarto motivo e’ inammissibile, poiche’ prospetta come vizio di motivazione una questione – asserita nullita’ della clausola n. 12 del contratto di assicurazione – che potrebbe avere rilievo solo sotto il profilo della violazione di legge.

Il ricorso deve essere rigettato.

Non essendosi costituiti gli intimati non vi e’ luogo a pronuncia sulle spese.

P.Q.M.

La Corte di cassazione rigetta il ricorso.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.