HomeSenza categoriaCondominio supercondominio rappresentanza processuale

Condominio supercondominio rappresentanza processuale

-

I Più Letti

Contratti

Contratti prova della consegna della merce all’acquirente

0
nei contratti aventi ad oggetto la consegna di una quantità di merce da una parte all'altra, la prove delta consegna all'acquirente è libera, nel...

Indice dei contenuti:

Azioni volte alla costituzione di servitu’ a carico dei beni comuni e rappresentanza processuale dell’amministratore nel caso di condominio e supercondominio.

nel caso di condominio complesso o supercondominio, la rappresentanza processuale spetta all’amministratore unico di quest’ultimo, in mancanza, al curatore speciale, nominato ai sensi dell’articolo 65 disp. att. c.c., o, infine ai singoli proprietari delle porzioni esclusive.

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza, si consiglia invece  la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione  che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia condominiale  si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La responsabilità parziaria e/o solidale per le obbligazioni condominiali

Lastrico solare ad uso esclusivo regime giuridico e responsabilità

L’impugnazione delle delibere condominiali ex art 1137 cc

L’amministratore di condominio: prorogatio imperii

La revoca dell’amministratore di condominio

Rappresentanza giudiziale del condominio: la legittimazione a resistere in giudizio ed a proporre impugnazione dell’amministratore di condominio.

L’obbligo dell’amministratore di eseguire le delibere della assemblea di condominio e la conseguente responsabilità.

La responsabilità dell’amministratore di condominio in conseguenza del potere – dovere di curare l’osservanza del regolamento condominiale.

La responsabilità (civile) dell’amministratore di condominio.

Recupero credito nei confronti del condomino moroso

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 11 gennaio 2018, n. 497

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente

Dott. GORJAN Sergio – rel. Consigliere

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere

Dott. GIANNACCARI Rosanna – Consigliere

Dott. FORTUNATO Giuseppe – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 28749/2013 R.G. proposto da:

Condominio (OMISSIS), e Condominio (OMISSIS), entrambi in persona dei rispettivi amministratori p.t., rappresentati e difeso dall’Avv. (OMISSIS), con domicilio eletto in (OMISSIS);

– ricorrenti –

contro

(OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS).

– intimati –

e

(OMISSIS) s.r.l., in persona del legale rappresentante p.t., difesa dall’avv. (OMISSIS), con domicilio eletto in (OMISSIS), presso lo studio dell’avv. (OMISSIS);

– terzo interventore –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Messina n. 27/2013, depositata il 15.1.2013.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 7.12.2017 dal

Consigliere Dott. Giuseppe Fortunato.

RILEVATO

che:

– i Condomini (OMISSIS) e (OMISSIS) hanno proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte d’appello di Messina n. 27, notificata in data 14.10.2013, che ha confermato la decisione di primo grado con cui e’ stata costituita una servitu’ coattiva di passaggio su una porzione in comune e a servizio dei due stabili;

– la domanda e’ stata proposta sull’assunto che il bene asservito fosse comune ad entrambi i condomini e che fosse funzionale all’utilizzo da parte dei singoli proprietari, ricadendo nella presunzione sancita dall’articolo 1117 c.c.;

– i resistenti hanno evocato in giudizio non i proprietari delle porzioni esclusive poste all’interno dei due diversi edifici condominiali, ma gli amministratori dei due edifici interessati, ritenendo questi ultimi titolari del rappresentanza ai sensi dell’articolo 1131 c.c., anche rispetto alle azioni di natura reale, con assunto condiviso dalla sentenza impugnata.

CONSIDERATO

che:

– il principio, piu’ volte ribadito da questa Corte secondo cui i poteri di rappresentanza conferita all’amministratore di condominio ai sensi del combinato disposto degli articoli 1130 e 1131 c.c., non soffre deroga rispetto alle azioni volte alla costituzione di servitu’ a carico dei beni comuni, non appare invocabile, atteso che se, come nella specie, un bene e’ comune e a servizio di piu’ edifici condominiali vanno tenuti distinti i rapporti di proprieta’ comune ed indivisa tra i partecipanti ai singoli edifici, dal rapporto di comunione sul bene in comproprieta’ ai titolari delle porzioni facenti parte di diversi stabili (Cass. 4 maggio 1993 n. 5160);

– allorquando una pluralita’ di edifici, costituiti o meno in distinti condomini, sono ricompresi in una piu’ ampia organizzazione condominiale, legati tra loro dall’esistenza di talune cose, impianti e servizi comuni in rapporto di accessorieta’ con i fabbricati, si configura un supercondominio, parimenti soggetto alle norme sul condominio e non a quelle sulla comunione (tra le tante, cfr. Cass. 14.11.2012, n. 19939; Cass. 17.8.2011, n. 17332; Cass. 31.1.2008, n. 2305);

– tale organizzazione costituisce un’entita’ distinta ed autonoma rispetto ai singoli condomini che la compongono, la quale viene in essere ipso iure et facto (se il titolo non dispone altrimenti), senza che sia necessaria la manifestazione di volonta’ dell’originario costruttore, ne’ quella di tutti i proprietari delle unita’ immobiliari di ciascun condominio.

– in siffatte ipotesi, gli amministratori dei singoli edifici hanno potere di rappresentanza processuale generale in base all’articolo 1130 c.c., u.c., relativamente ai soli rapporti che afferiscono al singolo edificio e non a quelli che siano in comunione con altro ed autonomo stabile condominiale, poiche’ la legittimazione a compiere le attivita’ menzionate nell’articolo 1130 c.c., si riflette, sul piano processuale, nell’attribuzione di facolta’ processuali inerenti ai beni comuni all’edificio amministrato, non anche a quelli facenti parte di un piu’ ampio complesso immobiliare (cfr. Cass. 26.8.2013, n. 19558; Cass. 26.4.2005, n. 8540).

– di conseguenza, nel caso di condominio complesso o supercondominio, la rappresentanza processuale spetta all’amministratore unico di quest’ultimo, in mancanza, al curatore speciale, nominato ai sensi dell’articolo 65 disp. att. c.c., o, infine ai singoli proprietari delle porzioni esclusive (Cass. 14.12.1988, n. 6817);

– tale questione, rilevabile d’ufficio e decisiva per la definizione del giudizio, non e’ stata oggetto di alcuna deduzione negli atti difensivi e va quindi sottoposta al contraddittorio delle parti ai sensi dell’articolo 384 c.p.c., comma 3.

P.Q.M.

assegna alle parti termine di gg. 60 per il deposito in cancelleria di osservazioni scritte sulle questioni di cui in motivazione.

 

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.