Gioco d’azzardo acquisto fiches con assegni bancari

13

la mera circostanza che la casa da gioco sia usa “consentire l’acquisto di fiches di gioco ad una determinata cerchia di clienti dietro pagamento con assegni bancari (entro una predefinita misura) non permette in alcun modo di qualificare tale attivita’ in termini di finanziamento, e tanto meno di ritenerla compresa tra quelle riservate alle banche o ad altri intermediari finanziari all’uopo autorizzati”, sicche’ e’ da escludere che “l’operazione mediante la quale i clienti vengono approvvigionati di fiches, pagandole in denaro contante o a mezzo di assegni, possa dirsi estranea alla gestione della casa da gioco: il che basta a farla rientrare tra le attivita’ consentite dalla medesima legge con cui e’ stata autorizzata l’operativita’” della specifica casa da gioco.

Corte di Cassazione|Sezione 3|Civile|Ordinanza|19 luglio 2019| n. 19536

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente

Dott. SCODITTI Enrico – rel. Consigliere

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. FIECCONI Francesca – Consigliere

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26647/2017 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) SPA, in persona dell’Amministratore Unico Dott. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2166/2017 della CORTE D’APPELLO di TORINO, depositata il 04/10/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 12/06/2019 dal Consigliere Dott. ENRICO SCODITTI.

RILEVATO

che:

(OMISSIS) s.p.a. (d’ora innanzi (OMISSIS)) propose domanda d’ingiunzione nei confronti di (OMISSIS) innanzi al Tribunale di Aosta per l’importo di Euro 290.000,00 oltre interessi ai sensi del Decreto Legislativo n. 231 del 2002.

Emesso il decreto ingiuntivo, propose opposizione il (OMISSIS). Secondo quanto esposto in ricorso, sulla base di consegna di assegno in bianco e privo di data a seguito di mandato al riempimento di assegno il (OMISSIS) aveva ricevuto fiches per complessivi Euro 300.000,00 ed, avendo perso l’intero importo ad un tavolo di “Black-Jack”, aveva richiesto indietro l’assegno in quanto privo di copertura, provvedendo alla sua distruzione; successivamente, dopo avere effettuaTo il versamento di Euro 10.000,00, il (OMISSIS) aveva sottoscritto dichiarazione in cui si riconosceva debitore del residuo importo.

Il Tribunale adito accolse l’opposizione. Avverso detta sentenza propose appello (OMISSIS). Con sentenza di data 4 ottobre 2017 la Corte d’appello di Torino accolse parzialmente l’appello, condannando l’appellato al pagamento della somma di Euro 290.000,00 oltre gli interessi legali.

Osservo’ la corte territoriale, premesso il richiamo di Cass. n. 4209 del 1992, che ricorreva un rapporto negoziale, assimilabile a quello di finanziamento o di mutuo tout court, relativo,da un lato alla consegna di fiches al giocatore e dall’altro ad un atto ricognitivo di debito e che affermare, come fatto dal giudice di primo grado, l’effettivita’ di una connessione funzionale tra la consegna delle fiches e l’attuazione del gioco significava dare per scontato che il mutuante (a prescindere dalla consapevolezza dell’impiego nel gioco della somma mutuata) avesse avuto un interesse qualificato all’attuazione del gioco, ossia fosse stato partecipante insieme al mutuatario ad un gioco collettivo d’azzardo.

Aggiunse che l’opponente non aveva dimostrato l’esistenza di un simile interesse della casa da gioco, ne’ esso poteva ri(OMISSIS)rsi dalla lettura dei documenti in atti o dall’eventuale ammissione dei capitoli di prova orale dedotti, che neppure consentivano di accertare l’eventuale diretta partecipazione del mutuante al gioco del “Black-Jack”.

Osservo’ quindi che restava il riconoscimento di debito di data 10 febbraio 2005 rispetto al quale l’onere della prova della sussistenza dei requisiti di cui all’articolo 1933 c.c., in collegamento funzionale con la dazione delle fiches doveva essere data dalla stessa parte che aveva reso la dichiarazione.

Ha proposto ricorso per cassazione (OMISSIS) sulla base di quattro motivi e resiste con controricorso la parte intimata. E’ stato fissato il ricorso in camera di consiglio ai sensi dell’articolo 380 bis.1 c.p.c.. E’ stata presentata memoria.

CONSIDERATO

che:

con il primo motivo si denuncia violazione e falsa applicazione degli articoli 1988, 1933, 1329, 1324, 1362, 1933, 2034 e 2697 c.c., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3. Osserva il ricorrente che, avendo la stessa sentenza impugnata parlato di rapporto negoziale assimilabile a quello di finanziamento o di mutuo tout court, non poteva parlarsi di astrazione processuale a fronte dell’accordo bilaterale nel quale la casa gioco aveva riconosciuto di avere consegnato fiches di gioco pari a Euro 300.000,00 ed essendosi riconosciuto il (OMISSIS) debitore e che dunque era onere della casa da gioco provare che la consegna di fiches era estranea allo scopo di gioco.

Aggiunge che,sia sulla base del criterio letterale che di quello del comportamento complessivo delle parti (mandato al riempimento di assegno in bianco, consegnato e poi ritirato e distrutto), doveva ritenersi che si era in presenza di un finanziamento di gioco.

Osserva inoltre che, trattandosi ab origine di obbligazione naturale, la ricognizione di debito era meramente confermativa di un obbligo morale ed inidonea a trasformarlo in obbligazione civile. Conclude che non pertinente e’ il richiamo a Cass. n. 4209 del 1992 in quanto il mutuante e’ la stessa casa da gioco, la cui partecipazione al gioco e’ in re ipsa.

Il motivo e’ infondato.

Esso si articola in tre submotivi.

Il primo submotivo attiene alla qualificazione in termini di ricognizione di debito della scrittura di data 10 febbraio 2005.

Osserva il ricorrente che l’effetto dell’astrazione processuale dalla causa debendi non sarebbe configurabile in quanto la scrittura fa menzione del finanziamento.

La promessa di pagamento, anche quando e’ titolata, cioe’ contenente il riferimento al rapporto giuridico che sta alla sua base, produce l’effetto dell’astrazione processuale dalla causa debendi, dispensando il promissario dall’onere di provare l’esistenza del rapporto fondamentale che si presume fino a prova contraria, e deve essere, oltre che esistente, valido; ne consegue che viene meno ogni effetto vincolante della promessa se si accerti giudizialmente che il rapporto non e’ sorto, e’ invalido o si e’ estinto (fra le tante Cass. 9 maggio 2007, n. 10574; 19 maggio 2006, n. 11775; 29 settembre 2005, n. 19165). La menzione della causa mantiene quindi la promessa nell’ambito dell’articolo 1988 c.c..

Il secondo submotivo attiene al mancato rispetto dei criteri di ermeneutica contrattuale.

L’interpretazione di un atto negoziale e’ tipico accertamento in fatto riservato al giudice di merito, incensurabile in sede di legittimita’, se non nell’ipotesi di violazione dei canoni legali di ermeneutica contrattuale, di cui agli articoli 1362 c.c. e segg., o di vizio motivazionale. Pertanto onde far valere una violazione sotto il primo profilo, occorre non solo fare puntuale riferimento alle regole legali d’interpretazione, mediante specifica indicazione dei canoni asseritamente violati ed ai principi in esse contenuti, ma occorre, altresi’, precisare in qual modo e con quali considerazioni il giudice del merito se ne sia discostato; con l’ulteriore conseguenza dell’inammissibilita’ del motivo di ricorso che si fondi sull’asserita violazione delle norme ermeneutiche o del vizio di motivazione e si risolva, in realta’, nella proposta di una interpretazione diversa (Cass. 31 maggio 2010, n. 13242; 26 ottobre 2007, n. 22536).

L’onere processuale in discorso non risulta assolto essendosi il ricorrente limitato a richiamare i criteri legali di ermeneutica contrattuale ed a contrapporre al risultato interpretativo conseguito dal giudice un diverso risultato interpretativo.

L’ultimo submotivo e’ anch’esso inammissibile perche’ muove dal presupposto, estraneo alla ratio decidendi, che l’obbligazione alla base della promessa di pagamento fosse naturale e non civile.

Con il secondo motivo si denuncia violazione e falsa applicazione dell’articolo 1418 c.c., comma 1, articoli 1421, 1322 e 1343 c.c., nonche’ del Decreto Legislativo n. 385 del 1993, articolo 106, comma 1, articoli 107 e 132, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3. Osserva il ricorrente che, qualora si ritenesse che il negozio di finanziamento sia meritevole a prescindere dal collegamento all’attuazione del gioco, si tratterebbe di finanziamento erogato da soggetto non abilitato in quanto non intermediario finanziario autorizzato iscritto nell’apposito albo, da cui la nullita’ del contratto per contrarieta’ a norma imperativa.

Il motivo e’ infondato.

Come affermato da Cass. 1 ottobre 2012, n. 16670, la mera circostanza che la casa da gioco sia usa “consentire l’acquisto di fiches di gioco ad una determinata cerchia di clienti dietro pagamento con assegni bancari (entro una predefinita misura) non permette in alcun modo di qualificare tale attivita’ in termini di finanziamento, e tanto meno di ritenerla compresa tra quelle riservate alle banche o ad altri intermediari finanziari all’uopo autorizzati”, sicche’ e’ da escludere che “l’operazione mediante la quale i clienti vengono approvvigionati di fiches, pagandole in denaro contante o a mezzo di assegni, possa dirsi estranea alla gestione della casa da gioco: il che basta a farla rientrare tra le attivita’ consentite dalla medesima legge con cui e’ stata autorizzata l’operativita’” della specifica casa da gioco.

Con il terzo motivo si denuncia violazione e falsa applicazione dell’articolo 132 c.p.c., n. 4 e articolo 111 Cost., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4.

Osserva il ricorrente che la Corte d’appello ha negato che la casa da gioco fosse il soggetto che direttamente organizzava e partecipava al gioco del “Black Jack” con motivazione apparente in quanto meramente assertiva della circostanza che documenti e capitoli di prova non consentivano di accertare l’eventuale partecipazione del mutuante al gioco, laddove invece, fra l’altro: in base alla scrittura di mandato di riempimento di assegno (OMISSIS) avrebbe calcolato il saldo delle fiches prelevate curando la compilazione dell’assegno consegnato a garanzia; nella scrittura bilaterale del 10 febbraio 2015 si riconosceva che il (OMISSIS) aveva un debito verso la casa da gioco in relazione alle “fiches di gioco” consegnate in tre distinte occasioni per l’importo complessivo di Euro 300.000,00; nel “disciplinare per la gestione della casa da gioco” l’articolo 4 prevedeva che “le attivita’ di gioco devono essere esercitate direttamente da (OMISSIS) s.p.a. che non puo’ delegare a terzi”, all’articolo 5 si leggeva che “al fine di incrementare la produttivita’ della casa da gioco, (OMISSIS) s.p.a., nel pieno rispetto delle leggi vigenti in materia, con particolare riferimento alla normativa antiriciclaggio, e’ tenuta a garantire, tramite il proprio ufficio cassa assegni ed a proprio rischio, la provvista di gettoni di gioco alla clientela, contro il rilascio di assegni di conto corrente o circolari” e l’articolo 8 prevedeva che “gli introiti lordi di gestione sono rappresentati dai proventi lordi di tutti i giochi in essere o di quelli che saranno eventualmente introdotti in seguito”.

Aggiunge che i capitoli di prova testimoniale e per interrogatorio formale, nonche’ la scheda di contabilita’ del tavolo di cui era stato chiesto l’ordine di esibizione ai sensi dell’articolo 210 c.p.c., avevano ad oggetto la circostanza che il (OMISSIS) era stato l’unico giocatore al tavolo di “Black-Jack” contro il banco e che era stata registrata una vincita per la casa di gioco pari ad Euro 300.000,00 (da cui la coincidenza di mutuante e partecipante al gioco). Conclude, richiamando Cass. n. 5654 del 2017, che il rigetto delle istanze istruttorie era privo di motivazione.

Il motivo e’ fondato. Deve premettersi che la costante giurisprudenza di questa Corte (Cass. 8 marzo 2019, n. 14375; 26 ottobre 2015, n. 21715; 2 aprile 2014, n. 7694; 31 gennaio 2008, n. 2386; 6 aprile 1992, n. 4209; 16 giugno 1986, n. 4001; 4 ottobre 1962, n. 2801) e’ nel senso che l’estensione della disciplina dell’articolo 1933 c.c., riguardante i contratti di giuoco, ai mutui a questi collegati – quali dazioni di denaro o di fiches, promesse di mutuo, riconoscimento di debito – sussiste solo quando essi costituiscano mezzi funzionalmente connessi all’attuazione del giuoco o della scommessa e siano tali da realizzare fra i giocatori le stesse finalita’ pratiche del rapporto di giuoco, concorrendo un diretto interesse del mutuante a favorire la partecipazione al gioco del mutuatario;

per contro, ove manchi tale interesse, per non essere il mutuante a confronto del mutuatario in una determinata partita, ne’ partecipante insieme a questo ad un gioco collettivo d’azzardo, la causa del negozio di mutuo non si pone in diretto collegamento con il contratto di gioco, neppure in presenza della consapevolezza del mutuante che la somma sara’ impiegata dal ricevente nel gioco, non integrando cio’ un motivo illecito determinante e comune ad entrambi i contraenti.

In particolare, secondo la giurisprudenza, le fiches, di norma utilizzate nelle case da gioco per partecipare ai giochi ivi praticati, possono essere oggetto – data la loro convenzionale equivalenza a somme di denaro predeterminate – anche di rapporti di natura diversa, quali l’attuazione di mutui o l’estinzione di debiti, con la conseguenza che la consegna di fiches ad uno dei partecipanti al gioco non e’ elemento determinante ed esclusivo per la qualificazione del rapporto come di mutuo ovvero di associazione alla giocata, dovendo il relativo accertamento avvenire sulla base della volonta’ negoziale delle parti e della concretezza del rapporto tra le stesse instaurato.

La corte territoriale ha affermato che dalla lettura dei documenti e dai capitoli di prova non emerge l’interesse del mutuante alla partecipazione al gioco del mutuatario ne’ la partecipazione del medesimo mutuante al gioco.

L’affermazione di carattere assertivo non pare comprensibile alla stregua delle circostanze istruttorie evidenziate dal ricorrente nel terzo motivo ed oggetto di rinvio nella motivazione.

Ed invero se si pone attenzione al “disciplinare per la gestione della casa da gioco”, ed in particolare all’articolo 4 che prevedeva che “le attivita’ dei gioco devono essere esercitate direttamente da (OMISSIS) s.p.a. che non puo’ delegare a terzi”, o al capitolo di prova orale avente ad oggetto la circostanza che il (OMISSIS) era stato l’unico giocatore al tavolo di “Black-Jack” contro il banco e che era stata registrata una vincita per la casa di gioco pari ad Euro 300.000,00, l’asserzione del giudice di merito pare meramente autoreferenziale e priva di una confutazione degli obiettivi elementi istruttori.

Il giudice di merito ha infatti compiuto espresso rinvio ai suddetti elementi istruttori, i quali devono cosi’ essere intesi come incorporati nel procedimento motivazionale. Ha tuttavia concluso sul piano meramente assertivo nel senso della loro inidoneita’ probatoria, senza che tale conclusione possa essere comprensibile sul piano motivazionale.

Risulta in tal modo violato il minimo costituzionale della motivazione, la quale risulta mancante quale requisito dell’atto processuale.

In seguito alla riformulazione dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, disposta dal Decreto Legge n. 83 del 2012, articolo 54, conv., con modif., dalla L. n. 134 del 2012, non e’ piu’ deducibile quale vizio di legittimita’ il semplice difetto di sufficienza della motivazione, ma i provvedimenti giudiziari non si sottraggono all’obbligo di motivazione previsto in via generale dall’articolo 111 Cost., comma 6 e, nel processo civile, dall’articolo 132 c.p.c., comma 2, n. 4.

Tale obbligo e’ violato qualora la motivazione sia totalmente mancante o meramente apparente, ovvero essa risulti del tutto inidonea ad assolvere alla funzione specifica di esplicitare le ragioni della decisione e, in tal caso, si concreta una nullita’ processuale deducibile in sede di legittimita’ ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4 (fra le tante Cass. 25 settembre 2018, n. 22598; 12 ottobre 2017, n. 23940).

Con il quarto motivo si denuncia violazione e falsa applicazione dell’articolo 1933 c.c. ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, ed in subordine dell’articolo 132 c.p.c., n. 4 e articolo 111 Cost., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4, nonche’ in ulteriore subordine dell’articolo 2727 c.c., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3.

Osserva il ricorrente che il mutuante era l’organizzatore e partecipante al gioco e che in modo inconciliabile si afferma in sentenza che (OMISSIS) era l’organizzatrice del gioco e che non avrebbe avuto interesse all’attuazione del gioco. Aggiunge che dal fatto noto che (OMISSIS) fosse l’organizzatrice del gioco doveva ricavarsi il fatto ignoto che il finanziatore aveva un interesse diretto all’attuazione del gioco medesimo.

L’accoglimento del precedente motivo determina l’assorbimento del motivo.

Il ricorrente ha sollecitato nella memoria ai sensi dell’articolo 378 c.p.c., l’esercizio del potere di cancellazione di espressione sconveniente od offensivo, ed in particolare l’uso dell’aggettivo “capzioso”

. Non puo’ essere disposta, ai sensi dell’articolo 89 c.p.c., la cancellazione delle parole che non risultino dettate da un passionale e incomposto intento dispregiativo, essendo ben possibile che nell’esercizio del diritto di difesa il giudizio sulla reciproca condotta possa investire anche il profilo della moralita’, senza tuttavia eccedere le esigenze difensive o colpire la scarsa attendibilita’ delle affermazioni della controparte (fra le tante da ultimo Cass. 18 ottobre 2016, n. 21031).

Avuto riguardo al contesto in cui risulta inserita, l’espressione adoperata non puo’ essere qualificata offensiva dell’altrui reputazione in quanto, pur rientrando in modo piuttosto graffiante nell’esercizio del diritto di difesa, non si rivela lesiva della dignita’ umana e professionale dell’avversario.

P.Q.M.

accoglie il terzo motivo di ricorso, rigetta il primo ed il secondo motivo e dichiara assorbito l’ultimo motivo; cassa la sentenza in relazione al motivo accolto; rinvia alla Corte di appello di Torino in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimita’.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.