Home Lavoro e Previdenza

Lavoro e Previdenza

Lavoro e Previdenza

Cessione di azienda cessione ramo di azienda

Trasferimento di azienda cessione dei contratti di lavoro

0
la cessione dei contratti di lavoro, nell'ipotesi di trasferimento di azienda, avviene automaticamente ex articolo 2112 c.c. e, nella concreta fattispecie, essa si era gia' verificata nel novembre 2012, sicche' non vi era alcuna necessita', ne' onere per i lavoratori, di far valere formalmente nei confronti della cessionaria l'avvenuta...
Risarcimento danni

Competenza territoriale controversie rapporto di lavoro persone detenute

0
Nelle controversie relative al rapporto di lavoro delle persone detenute all'interno degli istituti penitenziari, non è applicabile il criterio di competenza territoriale di cui all'art. 413, quinto comma, cod. proc. civ., da intendersi specificamente riferito ai rapporti di lavoro pubblico, mentre sono applicabili i criteri previsti dall'art. 413, secondo...
licenziamento

Trasferimento d’azienda licenziamento illegittimo art 2112 cc

0
l'effetto estintivo del licenziamento illegittimo intimato in epoca anteriore al trasferimento d'azienda, in quanto meramente precario e destinato ad essere travolto dalla sentenza di annullamento, comporta che il rapporto di lavoro ripristinato tra le parti originarie si trasferisce, ai sensi dell'art. 2112 c.c., in capo al cessionario. Per ulteriori approfondimenti...
Lavoro e previdenza

Malattia del lavoratore dipendente da causa di servizio

0
La dipendenza della malattia del lavoratore da una "causa di servizio" non implica, ne' puo' far presumere, che l'evento dannoso sia derivato dalle condizioni di insicurezza dell'ambiente di lavoro, essendo possibile che la patologia accertata debba essere collegata alla qualita' intrinsecamente usurante della ordinaria prestazione lavorativa ed al logoramento...
licenziamento

Licenziamento del dirigente

0
ai fini della "giustificatezza" del licenziamento del dirigente, puo' rilevare qualsiasi motivo, purche' esso possa costituire la base per una motivazione coerente e sorretta da motivi apprezzabili sul piano del diritto, a fronte del quale non e' necessaria una analitica verifica di specifiche condizioni, ma e' sufficiente una valutazione...
licenziamento

Rinnovazione del licenziamento disciplinare nullo per vizio di forma

0
E' consentita la rinnovazione del licenziamento disciplinare nullo per vizio di forma in base agli stessi motivi sostanziali determinativi del precedente recesso, anche se la questione della validita' del primo licenziamento sia ancora "sub iudice", purche' siano adottate le modalita' prescritte, omesse nella precedente intimazione. Tale rinnovazione, risolvendosi nel...
Mobbing

Mobbing onere del lavoratore di allegare e provare fatti lesivi

0
stante la natura contrattuale della responsabilita' incombente sul datore di lavoro in relazione al disposto dell'articolo 2087 c.c., spetta al lavoratore lo specifico obbligo di provare il fatto costituente inadempimento dell'obbligo di sicurezza nonche' il nesso di causalita' materiale tra l'inadempimento e il danno subito. Con specifico riferimento al...
Licenziamento

Licenziamento indennità risarcitoria retribuzione globale di fatto

0
l'indennita' risarcitoria di cui alla L. 20 maggio 1970, n. 300, articolo 18 deve essere liquidata in riferimento alla retribuzione globale di fatto spettante al lavoratore al tempo del licenziamento, comprendendo nel relativo parametro di computo non soltanto la retribuzione base, ma anche ogni compenso di carattere continuativo che...
Licenziamento

Valutazione legittimità del licenziamento disciplinare di un lavoratore

0
Ed in effetti, seppure e' vero che la valutazione in ordine alla legittimità del licenziamento disciplinare di un lavoratore per una condotta contemplata, a titolo esemplificativo, da una norma del contratto collettivo fra le ipotesi di licenziamento per giusta causa deve essere, in ogni caso, effettuata attraverso un accertamento...
Lavoro e previdenza

Lavoratore dipendente rifiuto di eseguire prestazione lavorativa

0
l'illegittimo comportamento del datore di lavoro, consistente nell'assegnare il dipendente a mansioni inferiori a quelle corrispondenti alla sua qualifica, puo' giustificare il rifiuto della prestazione lavorativa, purche' tale reazione sia connotata da caratteri di positivita', risultando proporzionata e conforme a buona fede, dovendo in tal caso il giudice adito...

I Più Letti

Contratti

Contratti prova della consegna della merce all’acquirente

0
nei contratti aventi ad oggetto la consegna di una quantità di merce da una parte all'altra, la prove delta consegna all'acquirente è libera, nel...