Recupero credito nei confronti del condomino moroso

351

L’azione di recupero credito nei confronti del singolo condomino.

  1. Brevi cenni sulla natura (parziaria) dell’obbligazione gravante sul singolo condomino e sulle conseguenze in tema di esecuzione forzata.

Partendo da principio secondo cui “l’obbligazione del condominio grava pro parte sui singoli condomini, e non in solido per l’intero sugli stessi” (Cassazione Sentenza n. 9148/2008 e Cassazione Ordinanza n. 14530/2017) ne discende inevitabilmente che la responsabilità dei singoli condomini non può estendersi all’intera obbligazione del condominio e quindi il titolo esecutivo formatosi contro il condominio è valido, ai fini dell’azione esecutiva, contro i singoli condomini, nei limiti sopra precisati.

Qualora il condominio non adempia alla propria obbligazione, il creditore può procedere al recupero di quanto dovutogli contro il singolo condomino, ma per procedere ad esecuzione forzata nei confronti del singolo condomino in base al titolo esecutivo formatosi contro il condominio occorre preventivamente notificare personalmente detto titolo ed il precetto al singolo condomino (Cassazione Ordinanza n. 8150/2017).

In sostanza secondo la consolidata giurisprudenza di legittimità, ribadita dalla Cassazione, con la Sentenza n. 22856/2017:

1) l’obbligazione (contrattuale) del condominio grava pro parte sui singoli condomini, e non in solido per l’intero sugli stessi;

2) il titolo formatosi contro il condominio è valido, ai fini dell’azione esecutiva, contro i singoli condomini;

3) per procedere ad esecuzione forzata nei confronti del singolo condomino in base al titolo esecutivo formatosi contro il condominio occorre preventivamente notificare personalmente detto titolo ed il precetto al singolo condomino.

Ciò posto, l’esecuzione forzata nei confronti di un singolo condomino, sulla base di titolo esecutivo ottenuto nei confronti del condominio, può avere legittimamente luogo esclusivamente nei limiti della quota millesimale del singolo condomino esecutato.

1
2
3
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.