Home Responsabilità Civile R.C.Auto Sinisri stradali CAI firmato congiuntamente dai conducenti

Sinisri stradali CAI firmato congiuntamente dai conducenti

-

I Più Letti

Avvocato

Avvocato pagamento compenso ricorso ex art. 702 bis c.p.c.

0
per ottenere il pagamento del proprio compenso, il legale potrà proporre ricorso ex art. 702 bis c.p.c. (che dà luogo ad un procedimento sommario...

il modello (CAI) firmato congiuntamente dai conducenti contiene una presunzione circa le modalita’ del sinistro, ma non certo sull’entita’ dei danni che ne siano derivati. Ne’ puo’ tacersi che la procedura di risarcimento diretto (Decreto Legislativo n. 209 del 2005, articolo 149) non toglie nulla all’onere della prova che la parte danneggiata e’ sempre tenuta a fornire in ordine alla concreta sussistenza del danno.

 

Per ulteriori approfondimenti in materia di Responsabilità Civile Auto si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La disciplina del Fondo di Garanzia delle Vittime della Strada ai sensi del D. Lvo 209/2005.

Natura della procedura di indennizzo diretto ex art. 149 D. Lvo n. 209/2005

Le azioni a tutela del terzo trasportato ai sensi del Codice delle Assicurazioni Private (D.L.vo n. 209/2005)

Sinistri stradali, danno da fermo tecnico, risarcimento: onere probatorio e liquidazione equitativa.

Corte di Cassazione, Sezione 6 3 civile Ordinanza 1 agosto 2018, n. 20382

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. CIRILLO Francesco Maria – rel. Consigliere

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9023-2017 proposto da:

(OMISSIS) S.R.L., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) SPA, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

contro

(OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 4890/2016 del TRIBUNALE di PALERMO, depositata il 05/10/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 19/06/2018 dal Consigliere Dott. FRANCESCO MARIA CIRILLO.

FATTI DI CAUSA

1. La (OMISSIS) s.r.l., in dualita’ di cessionaria del credito vantato da (OMISSIS), convenne in giudizio, davanti al Giudice di pace di Palermo, (OMISSIS) e la (OMISSIS) s.p.a., chiedendo che fossero condannati in solido al risarcimento dei danni conseguenti al sinistro stradale nel quale la Pigliatale aveva riportato danni alla propria vettura, cedendo il suo credito alla parte attrice.

Si costitui’ in giudizio la societa’ di assicurazione chiedendo il rigetto della domanda, mentre il (OMISSIS) rimase contumace.

Espletata prova per interpello e fatta svolgere una c.t.u., il Giudice di pace rigetto’ la domanda.

2. La pronuncia e’ stata impugnata dalla societa’ attrice soccombente e il Tribunale di Palermo, con sentenza del 5 ottobre 2016, ha rigettato l’appello ed ha condannato l’appellante al pagamento delle spese del grado:

3. Contro la sentenza del Tribunale di Palermo ricorre la (OMISSIS) s.r.l. con atto affidato a due motivi.

Resiste la (OMISSIS) s.p.a. con controricorso.

(OMISSIS) non ha svolto attivita’ difensiva in questa sede.

Il ricorso e’ stato avviato alla trattazione in camera di consiglio, sussistendo le condizioni di cui agli articoli 375, 376 e 380-bis cod. proc. civ., e non sono state depositate memorie.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo di ricorso si lamenta, in riferimento all’articolo 360 cod. proc. pen., comma 1, n. 3), violazione e falsa applicazione dell’articolo 2697 cod. civ. e del Decreto Legislativo 7 settembre 2005, n. 209, articolo 143.

2. Con il secondo motivo di ricorso si lamenta, in riferimento all’articolo 360 cod. proc. civ., comma 1, n. 3), violazione e falsa applicazione delle medesime disposizioni nonche’ dell’articolo 232 cod. proc. civ., oltre a motivazione insufficiente e contraddittoria.

3. I due motivi, da trattare congiuntamente per ragioni di evidente connessione tra loro, presentano profili di inammissibilita’ e sono comunque privi di fondamento.

3.1. La sentenza impugnata e’ pervenuta al rigetto della domanda rilevando che la parte appellante non era giunta a dimostrare la fondatezza della domanda risarcitoria. Cio’ in quanto la dichiarazione contenuta nel modello CID, unita alle conclusioni del c.t.u. ed alla mancata risposta del (OMISSIS) all’interrogatorio formale, precludevano un riscontro obiettivo della pretesa risarcitoria. Il tutto senza contare che la documentazione prodotta a supporto della domanda risarcitoria non consentiva in alcun modo di ritenere dimostrato l’ammontare del d’anno. Il modello CID, del resto, limitandosi alla dicitura “tamponamento”, non permetteva in alcun modo di collegare con il sinistro) la concreta domanda risarcitoria avanzata dalla carrozzeria.

3.2. A fronte di simile motivazione, il ricorso si presenta carente da un punto di vista dell’autosufficienza, perche’ nulla dice sul contenuto effettivo del modello CID ne’ sul se e dove esso sia stato messo a disposizione di questa Corte. Dopo di che non contesta in alcun modo la motivazione della sentenza nella parte in cui essa spiega che dalla documentazione prodotta non era deducibile alcuna prova effettiva del danno patito dalla vettura; nel secondo motivo, poi, la doglianza e’ integralmente tesa ad ottenere in questa sede un nuovo e non consentito esame del merito.

Anche tralasciando tali rilievi di inammissibilita’, la presunta violazione del Decreto Legislativo n. 209 del 2005, articolo 143 e’ palesemente infondata, posto che il modello firmato congiuntamente dai conducenti contiene una presunzione circa le modalita’ del sinistro, ma non certo sull’entita’ dei danni che ne siano derivati. Ne’ puo’ tacersi che la procedura di risarcimento diretto (Decreto Legislativo n. 209 del 2005, articolo 149) non toglie nulla all’onere della prova che la parte danneggiata e’ sempre tenuta a fornire in ordine alla concreta sussistenza del danno (v. l’ordinanza 20 settembre 2017, n. 21896, in tema di litisconsorzio necessario).

4. Il ricorso, pertanto, e’ rigettato.

A tale pronuncia segue la condanna della societa’ ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in conformita’ ai parametri introdotti dal Decreto Ministeriale 10 marzo 2014, n. 55.

Sussistono inoltre le condizioni di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, per il versamento, da parte della societa’ ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

P.Q.M.

1,a Corte rigetta il ricorso e condanna la societa’ ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in complessivi Euro 2.200, di cui Euro 200 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Ai scusi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, da’ atto della sussistenza delle condizioni per il versamento, da parte della societa’ ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.