HomeCondominioCanone occupazione spazi pubblici occupazione abusiva condominio

Canone occupazione spazi pubblici occupazione abusiva condominio

-

I Più Letti

Contratti

Contratti prova della consegna della merce all’acquirente

0
nei contratti aventi ad oggetto la consegna di una quantità di merce da una parte all'altra, la prove delta consegna all'acquirente è libera, nel...

Indice dei contenuti:

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 4 maggio 2018, n. 10733

il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, istituito dal Decreto Legislativo n. 446 del 1997, articolo 63, come modificato dalla L. n. 448 del 1998, articolo 31, e’ stato concepito dal legislatore come un quid ontologicamente diverso, sotto il profilo strettamente giuridico, dalla tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. Esso e’, infatti, configurato come corrispettivo di una concessione, reale o presunta (nel caso di occupazione abusiva), dell’uso esclusivo o speciale di beni pubblici ed e’ dovuto non in base alla limitazione o sottrazione all’uso normale o collettivo di parte del suolo, ma in relazione all’utilizzazione particolare (o eccezionale) che ne trae il singolo. Ne deriva che e’ obbligato al pagamento del canone il condominio che abbia sostituito con griglie una parte del piano di calpestio di un’area gravata da servitu’ pubblica di passaggio, al fine di migliorare il godimento dei locali sottostanti al suolo, e cio’ in quanto esso gode di un’utilizzazione particolare dell’area medesima.

 

Per una più completa ricerca di giurisprudenza, si consiglia invece  la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione  che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia condominiale  si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

La responsabilità parziaria e/o solidale per le obbligazioni condominiali

Lastrico solare ad uso esclusivo regime giuridico e responsabilità

L’impugnazione delle delibere condominiali ex art 1137 cc

L’amministratore di condominio: prorogatio imperii

La revoca dell’amministratore di condominio

Rappresentanza giudiziale del condominio: la legittimazione a resistere in giudizio ed a proporre impugnazione dell’amministratore di condominio.

L’obbligo dell’amministratore di eseguire le delibere della assemblea di condominio e la conseguente responsabilità.

La responsabilità dell’amministratore di condominio in conseguenza del potere – dovere di curare l’osservanza del regolamento condominiale.

La responsabilità (civile) dell’amministratore di condominio.

Recupero credito nei confronti del condomino moroso

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile Ordinanza 4 maggio 2018, n. 10733

Integrale

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GIUSTI Alberto – Presidente

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere

Dott. TEDESCO Giuseppe – rel. Consigliere

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 3560/2014 R.G. proposto da:

ROMA CAPITALE, rappresentata e difesa, in forza di procura speciale in calce al ricorso, dagli avv. (OMISSIS) dell’Avvocatura Capitolina, presso di loro domiciliato in (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

CONDOMINIO (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza del Tribunale di Roma n. 21583 depositata il 29 ottobre 2013;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 19 gennaio 2018 dal Consigliere Giuseppe Tedesco;

Lette le conclusioni del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. SERVELLO Gianfranco, che ha chiesto l’accoglimento del ricorso.

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

– il giudice di pace di Roma ha accolto la domanda proposta dal Condominio (OMISSIS) nei confronti del Comune di Roma, al fine di ottenere l’annullamento di avviso di liquidazione per omesso pagamento dell’importo di Euro 2.284,00, preteso dell’ente territoriale a titolo di canone per l’occupazione di spazi di aree pubbliche per l’anno 2005 (griglie e intercapedini poste lungo il perimetro dell’edificio condominiale);

– la sentenza e’ stata confermata in grado d’appello dal Tribunale di Roma;

– il giudice d’appello ha ritenuto che il canone per l’occupazione di spazi di aree pubbliche presupponeva l’esistenza di una concessione, che nella specie non era stata rilasciata, deducendo da cio’ che il Comune non poteva pretendere alcunche’ per il titolo sopra indicato;

– contro la sentenza il Comune di Roma ha proposto ricorso per cassazione affidato a un unico motivo;

– il Condominio (OMISSIS) e’ rimasto intimato.

Considerato in diritto:

– il solo motivo di ricorso pone la questione se l’applicazione del canone per l’occupazione di spazi di aree pubbliche (COSAP) implichi l’esistenza di un provvedimento di concessione, in guisa che il canone non e’ dovuto in mancanza di tale provvedimento e al cospetto di una occupazione abusiva, come ha ritenuto la sentenza impugnata, ovvero se la concessione possa essere solo presunta, con la conseguenza che il canone e’ dovuto anche in caso di occupazione abusiva: questa e’ la tesi sostenuta con il ricorso;

– il ricorso e’ fondato;

– in materia questa Suprema Corte ha stabilito il seguente principio: “il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, istituito dal Decreto Legislativo n. 446 del 1997, articolo 63, come modificato dalla L. n. 448 del 1998, articolo 31, e’ stato concepito dal legislatore come un quid ontologicamente diverso, sotto il profilo strettamente giuridico, dalla tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. Esso e’, infatti, configurato come corrispettivo di una concessione, reale o presunta (nel caso di occupazione abusiva), dell’uso esclusivo o speciale di beni pubblici ed e’ dovuto non in base alla limitazione o sottrazione all’uso normale o collettivo di parte del suolo, ma in relazione all’utilizzazione particolare (o eccezionale) che ne trae il singolo. Ne deriva che e’ obbligato al pagamento del canone il condominio che abbia sostituito con griglie una parte del piano di calpestio di un’area gravata da servitu’ pubblica di passaggio, al fine di migliorare il godimento dei locali sottostanti al suolo, e cio’ in quanto esso gode di un’utilizzazione particolare dell’area medesima” (Cass. 18037/2009);

– in conformita’ a tale principio – dal quale la sentenza impugnata si e’ evidentemente discostata – le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno ripetutamente escluso la natura tributaria delle controversie attinenti alla debenza del canone in questione (Cass., S.U. (Ord.), n. 14864/2006; conf. S.U. (Ord.), n. 12167/2003);

– la sentenza impugnata deve essere pertanto cassata, con rinvio della causa al Tribunale di Roma, che la decidera’ in persona di diverso magistrato attenendosi al principio di cui sopra;

– il giudice del rinvio provvedera’ anche sulle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata; rinvia la causa, anche per le spese del giudizio di cassazione, al Tribunale di Roma, in persona di diverso magistrato.

 

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.