Prova consapevolezza stato d’insolvenza imprenditore

7

la prova della sussistenza della consapevolezza circa lo stato d’insolvenza dell’imprenditore L. Fall., ex. articolo 67 e’ raggiunta ogni volta che, al momento in cui e’ stato posto in essere l’atto revocabile, si siano verificate circostanze tali da far presumere ad una persona di ordinaria prudenza e avvedutezza che l’imprenditore si trovasse in una situazione di non normale esercizio dell’impresa: circostanza che puo’ essere desunta anche da semplici indizi, aventi l’efficacia probatoria delle presunzioni semplici e, in quanto tali, soggetti a valutazione concreta da parte del giudice di merito, da compiersi in applicazione degli articoli 2727 e 2729 c.c.

Per una più completa ricerca di giurisprudenza in materia di diritto fallimentare, si consiglia di consultare la Raccolta di massime delle principali sentenze della Cassazione che è consultabile on line oppure scaricabile in formato pdf

Per ulteriori approfondimenti in materia di diritto fallimentare si consiglia la lettura dei seguenti articoli:

I presupposti per la dichiarazione di fallimento

La (nuova) revocatoria fallimentare delle rimesse in Conto Corrente: rilevanza o meno della natura solutoria della rimessa?

Revocatoria fallimentare: elementi rilevati ai fini dell’accertamento della scientia decoctionis.

Contratto di assicurazione e dichiarazione di fallimento, con particolare riferimento all’assicurazione R.C.A.

La sorte del contratto di affitto di azienda pendente al momento della dichiarazione di fallimento.

Per ulteriori approfondimenti in merito all’ azione revocatoria ordinaria di cui all’ art 2091 cc si consiglia il seguente articolo: Azione revocatoria ordinaria

Per ulteriori approfondimenti in merito all’ azione surrogatoria di cui all’ art 2900 cc si consiglia il seguente articolo: Azione surrogatoria ex art 2900 cc

Corte di Cassazione|Sezione 6|Civile|Ordinanza|9 ottobre 2019| n. 25230

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 30175-2017 proposto da:

(OMISSIS) SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) SRL (n. 407/2014), in persona della Curatrice, elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso il decreto n. R.G. 23327/2015 del TRIBUNALE di ROMA, depositato il 09/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 02/07/2019 dal Consigliere Relatore Dott. LOREDANA NAZZICONE.

RILEVATO IN FATTO

– che e’ stato proposto ricorso, sulla base di un unico motivo, avverso il decreto del Tribunale di Roma n. 23327 del 9 novembre 2017, il quale ha respinto l’opposizione allo stato passivo promossa dall’odierna ricorrente, negando la natura privilegiata del credito dalla stessa vantato;

– che il Fallimento (OMISSIS) S.r.l. si difende con controricorso.

RITENUTO IN DIRITTO

– che l’unico motivo del ricorso deduce la violazione e falsa applicazione della L. Fall., articoli 67, 98 e 99, avendo il giudice di merito ritenuto erroneamente sussistente la consapevolezza dell’odierna ricorrente circa lo stato di crisi in cui versava la societa’ debitrice poi fallita alla data in cui e’ stata concessa l’ipoteca volontaria, dichiarata dal tribunale inefficace; nonche’ violazione e falsa applicazione dell’articolo 132 c.p.c. e articolo 118 disp. att. c.p.c., in ragione della mancanza, apparenza, illogicita’ e contraddittorieta’ della motivazione, avendo il giudice omesso di valutare i vari elementi addotti, dalla difesa della ricorrente, a riprova della sua inscentia decoctionii;

– che il ricorso e’ manifestamente infondato;

– che, secondo l’orientamento consolidato di questa Corte, la prova della sussistenza della consapevolezza circa lo stato d’insolvenza dell’imprenditore L. Fall., ex. articolo 67 e’ raggiunta ogni volta che, al momento in cui e’ stato posto in essere l’atto revocabile, si siano verificate circostanze tali da far presumere ad una persona di ordinaria prudenza e avvedutezza che l’imprenditore si trovasse in una situazione di non normale esercizio dell’impresa: circostanza che puo’ essere desunta anche da semplici indizi, aventi l’efficacia probatoria delle presunzioni semplici e, in quanto tali, soggetti a valutazione concreta da parte del giudice di merito, da compiersi in applicazione degli articoli 2727 e 2729 c.c. (Cass. 2557/2008);

– che una tale impostazione non equivale a negare la necessita’ che la conoscenza dello stato d’insolvenza da parte del terzo contraente sia effettiva e non meramente potenziale; cio’ nonostante, la prova di tale effettiva conoscenza puo’ essere raggiunta mediante il ricorso a presunzioni semplici; inoltre, e’ opportuno ribadire che “la scelta degli elementi che costituiscono la base della presunzione ed il giudizio logico con cui dagli stessi si deduce l’esistenza del fatto ignoto costituiscono un apprezzamento di fatto che, se adeguatamente motivato, sfugge al controllo di legittimita’” (Cass. 20935/2005);

– che, nel caso di specie, il tribunale – con apprezzamento di merito non censurabile e compiutamente motivato – ha ritenuto che sussista la prova della consapevolezza che la societa’ debitrice, all’epoca ancora in bonis, si trovasse in una situazione di non normale esercizio dell’impresa (risultanze pubbliche; mancato adempimento delle precedenti obbligazioni nei confronti della stessa odierna ricorrente);

– che, d’altronde, anche la circostanza – comunque non decisiva -addotta dalla societa’ ricorrente, per cui vi sarebbe stata la prosecuzione dei rapporti di fornitura tra le due imprese successivamente all’iscrizione dell’ipoteca, e’ rimasta sfornita di prova innanzi al giudice del merito, secondo i poteri di accertamento esclusivi del medesimo;

– che alla stessa conclusione deve pervenirsi – mancanza di decisivita’ e difetto di specificita’ del motivo – in relazione agli altri clementi probatori la cui valutazione si lamenta essere stata dal tribunale omessa (rapporti di fornitura intrattenuti dalla societa’ fallita anche con altre imprese; importanti appalti in corso di esecuzione);

– che, dunque, il giudice di merito ha adeguatamente motivato il proprio convincimento circa la sussistenza, in capo all’odierna ricorrente, della stientia decoctionis, operando un puntuale riferimento agli elementi probatori raccolti;

– che la condanna alle spese segue la regola della soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento, in favore della parte costituita, di Euro 4.100 (di cui Euro 100 per esborsi), oltre alle spese forfetarie nella misura del 15% sul compenso ed agli accessori di legge.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1-quater, come modificato dalla L. n. 228 del 2012, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma del comma 1-bis dello stesso articolo 13.

Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.