Home Responsabilità Civile Risarcimento danni infortunio sportivo studente

Risarcimento danni infortunio sportivo studente

-

I Più Letti

Avvocato

Avvocato pagamento compenso ricorso ex art. 702 bis c.p.c.

0
per ottenere il pagamento del proprio compenso, il legale potrà proporre ricorso ex art. 702 bis c.p.c. (che dà luogo ad un procedimento sommario...

in materia di risarcimento danni per responsabilita’ civile conseguente ad un infortunio sportivo subito da uno studente all’interno della struttura scolastica durante le ore di educazione fisica, incombe sullo studente l’onere della prova dell’illecito commesso da altro studente, quale fatto costitutivo della sua pretesa, mentre e’ a carico della scuola la prova del fatto impeditivo, cioe’ l’inevitabilita’ del danno nonostante la predisposizione di tutte le cautele idonee a evitare il fatto.

 

Corte di Cassazione, Sezione 6 3 civile Ordinanza 5 giugno 2018, n. 14355

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere

Dott. CIRILLO Francesco Maria – rel. Consigliere

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

Dott. D’ARRIGO Cosimo – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1542-2017 proposto da:

(OMISSIS), nella qualita’ di legale rappresentante della figlia (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSUA’ E DELLA RICERCA, (OMISSIS), in persona del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

– resistente –

avverso il provvedimento n. 1563/2016 del TRIBUNALE di REGGIO CALABRIA, depositata il 03/10/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 17/04/2018 dal Consigliere Dott. FRANCESCO MARIA CIRILLO.

FATTI DI CAUSA

1. (OMISSIS), nella qualita’ di esercente la potesta’ sulla figlia minore (OMISSIS), convenne in giudizio il Ministero dell’istruzione, universita’ e ricerca davanti al Giudice di pace di Reggio Calabria, per sentirlo condannare al risarcimento dei danni patiti dalla figlia a causa della distorsione di un dito avvenuta durante lo svolgimento di una partita di pallavolo in orario scolastico.

Si costitui’ in giudizio il convenuto, chiedendo il rigetto della domanda. Il Giudice di pace accolse la domanda.

2. La pronuncia e’ stata impugnata dal Ministero soccombente e il Tribunale di Reggio Calabria, con sentenza del 3 ottobre 2016, in riforma di quella di primo grado, ha rigettato la domanda ed ha condannato la (OMISSIS) al pagamento delle spese dei due gradi di giudizio.

3. Contro la sentenza del Tribunale di Reggio Calabria ricorre (OMISSIS), quale genitore di (OMISSIS), con atto affidato ad un solo motivo.

Resiste il Ministero dell’istruzione, universita’ e ricerca con atto finalizzato alla partecipazione all’udienza di discussione.

Il ricorso e’ stato avviato alla trattazione in camera di consiglio, sussistendo le condizioni di cui agli articoli 375, 376 e 380-bis cod. proc. civ., e la ricorrente ha depositato memoria.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con l’unico motivo di ricorso si lamenta, in riferimento all’articolo 360 cod. proc. civ., comma 1, n. 3), violazione e falsa applicazione dell’articolo 2048 cod. civ., sul rilievo che il Ministero non avrebbe fornito la prova, gravante a suo carico, di aver adeguatamente istruito la minore in vista della particolare situazione verificatasi (schiacciata eseguita da un’altra allieva).

1.1. Il ricorso non e’ fondato.

La sentenza impugnata, correttamente richiamando il precedente costituito dalla sentenza 8 aprile 2016, n. 6844, di questa Corte, ha affermato che in materia di risarcimento danni per responsabilita’ civile conseguente ad un infortunio sportivo subito da uno studente all’interno della struttura scolastica durante le ore di educazione fisica, incombe sullo studente l’onere della prova dell’illecito commesso da altro studente, quale fatto costitutivo della sua pretesa, mentre e’ a carico della scuola la prova del fatto impeditivo, cioe’ l’inevitabilita’ del danno nonostante la predisposizione di tutte le cautele idonee a evitare il fatto. Ha quindi aggiunto il Tribunale che, nel caso di specie, l’originaria attrice non aveva ne’ allegato ne’ provato che l’infortunio fosse avvenuto a causa di un’azione di gioco eccedente la normale prassi, trattandosi di un danno subito a causa della schiacciata di un’altra alunna, attivita’ del tutto normale in una partita di pallavolo, avvenuta per di piu’ alla presenza dell’insegnante.

A fronte di tale ricostruzione, la ricorrente osserva che l’esecuzione di una schiacciata richiederebbe una particolare preparazione anche per chi la deve ricevere, che il Ministero non avrebbe provato di avere fornito all’allieva.

In tal modo, pero’, il ricorso contraddice una valutazione in fatto compiuta dal giudice di merito oltre che i piu’ elementari canoni di logica e ragionevolezza, posto che la schiacciata fa parte del gioco della pallavolo; senza considerare che non e’ stata in alcun modo superata la motivazione della sentenza impugnata nella parte in cui ha affermato che il gioco si stava svolgendo normalmente ed alla presenza dell’insegnante (v. pure le sentenze 28 settembre 2009, n. 20743, e 17 luglio 2012, n. 12235).

2. Il ricorso, pertanto, e’ rigettato.

A tale esito segue la condanna della ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate ai sensi del Decreto Ministeriale 10 marzo 2014, n. 55.

Sussistono inoltre le condizioni di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in complessivi Euro 1.600, di cui Euro 200 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, da’ atto della sussistenza delle condizioni per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Hai bisogno di una consulenza? Contattami!
umberto davidehttp://umbertodavide.it
Laureato nell’anno accademico 2012/2013 all’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in diritto bancario intitolata “Le nuove garanzie bancarie”. Sono iscritto all’ordine degli avvocati di Torre Annunziata, dal maggio del 2013, immediatamente dopo aver conseguito la laurea ed ho superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nel novembre del 2015. Ho inoltre seguito il 1° Corso per curatore fallimentare e commissario giudiziale tenuto dal consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata nel 2016. La sede principale della mia attività professionale è in Sorrento, ma esercito la professione di avvocato su tutto il territorio italiano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.